BLOGTOUR: Campari a Colazione di Sara Crowe

Buongiorno a tutti 🙂

Oggi finalmente è il mio turno per la penultima tappa del blogtour organizzato da Harlequin Mondadori e dedicato al libro di Sara Crowe, ” Campari a Colazione”.
Vi premetto che ho passato delle ore davvero piacevoli in compagnia di questo libro che, oltre ad essere divertente e spassoso, è anche molto formativo.
Vi presento meglio il LIBRO.

Gruppo di Lettura: Leggiamo con Sue e Zia Coral!

” La tragedia della vecchiaia consiste non nel fatto di essere vecchi, ma nel fatto di sentirsi ancora giovani.”

campari a colazione
” Campari a Colazione” è una storia ironica, frizzante, spassosa a 360°. I protagonisti che l’autrice ci propone sono curati nel minimo dettaglio, e la coppia Zia Coral – Sue Bowl ha funzionato alla grande!

Per questo blogtour la casa editrice ha messo a disposizione di noi blogger una serie di domande attraverso le quali parlare della lettura e mettere a fuoco i punti chiave della storia. Ovviamente queste domande sono rivolte a tutti quanti voi e se avete letto il libro e volete partecipare, siete davvero i benvenuti.
Vi lascio con le mie risposte/recensione alle domande:


Il romanzo si apre con la morte della madre di Sue, che getta una lunga ombra sulla vita della protagonista. In che modo secondo voi “Campari a colazione” è un romanzo sul passaggio all’età adulta?
Senza ombra di dubbio ” Campari a colazione” mette bene a fuoco i punti critici che caratterizzano la vita tipica di un’adolescente e il delicato passaggio all’età adulta. Sue – a differenza di molti suoi coetanei – ha imparato a cavarsela da sola molto presto ed è cresciuta senza la figura materna accanto, e questo ha contribuito a formarla precocemente nel suo carattere di donna. Crescere senza una mamma è terribile, niente e nessuno al mondo potrà mai compensare questa mancanza, e nel libro ci sono stati dei passaggi davvero commoventi in riferimento ai ricordi di Sue. La ragazza non si è mai arresa, ha sempre cercato di scoprire la verità sulla morte di sua madre, e queste sue scoperte continue l’hanno resa ancora più forte. Il soggiorno a Green Place ha poi sicuramente contribuito a plasmare il suo carattere, a farla maturare e a metterla di fronte alla propria coscienza. ” Campari a colazione” è un romanzo di formazione a tutti gli effetti, che trasmette dei messaggi forti e profondi, oltre che dei piacevoli momenti di ironia.
Le ambizioni letterarie di Sue si scontrano e compensano nei suoi errori di ortografia. Perché pensi che Sara Crowe abbia scelto di includere gli errori di ortografia di Sue? Siete rimasti sorpresi da questo espediente?
Gli errori ortografici di Sue mi hanno fatto davvero sorridere. Ho apprezzato particolarmente la sua ingenuità quando credeva che l’aggettivo ” Irsuto” significasse ” Nonostante”. Nel corso della storia troviamo spesso degli errori di ortografia, ed essi hanno contribuito a mio giudizio nel rendere il personaggio di Sue più autentico e genuino, una ragazza nel pieno della sua adolescenza, che nel suo diario racchiude sogni, speranze e delusioni e sopratutto una ragazza umana, che sbaglia proprio come tutti noi ( e non una di quelle protagoniste perfette e sempre in ordine). Sue mi è entrata nel cuore anche per i suoi errori.. in fondo, senza di essi, non sarebbe nato il ” Gruppo Irsuto di Egham” 🙂

Io leggo perchè…

Che ruolo gioca Green Place in questo romanzo? Quanto è importante secondo voi questo luogo nella storia di Sue?
La tenuta di Green Place è cruciale per la crescita di Sue, perchè rappresenta il punto di distacco con la sua vecchia vita. A Green Place Sue incontrerà l’affetto incondizionato di Zia Coral, conoscerà l’amore, farà chiarezza nella sua vita complicata. Green Place è un pò la sua ancora di salvezza, il punto da cui ricominciare a vivere senza essere tormentata dai fantasmi del passato. E’il luogo dove tutto inizia e tutto finisce.
Sue lotterà per Green Place, aiuterà Zia C con la casa, perchè oramai è diventata anche la sua casa, quella vera, quell’unico posto in cui sentirsi veramente bene e dove poter essere se stessi al 100%. Senza Green Place molto probabilmente Sue certe cose non le avrebbe mai capite o scoperte, e dunque oltre a segnare il distacco dal suo passato, la casa segna anche il suo passaggio da ragazza a donna.
“Campari a colazione” viene raccontato attraverso le voci dei diari di Sue e di zia Coral. Perché pensate che Sara Crowe abbia scelto queste diverse forme di narrazione?
Ho davvero apprezzato la scelta narrativa compiuta dall’autrice. Raccontare la storia di queste due meravigliose donne utilizzando la forma di diario, ha contribuito a renderle più autentiche, più reali. Mi sono immedesimata molto in entrambe le loro vite, stabilendo con entrambe una forte empatia. Credo che il diario sia la forma di scrittura più immediata per arrivare all’anima delle persone. Il diario è quell’amico silenzioso con cui tutti – almeno una volta nella vita – ci siamo sfogati. A lui si raccontano le gioie e i dolori, le speranze e le delusioni, i sogni e le amarezze. Attraverso il diario ci si racconta senza freni inibitori, non si ha paura di essere giudicati. E la scelta della Crowe di regalarci la parte più sincera e speciale di entrambe le protagoniste le ha rese ai miei occhi davvero genuine, umane, vere.

Uno dei miei “Zibaldoni” insieme a Campari a colazione

“Campari a colazione” è un romanzo umoristico, ma entrambe – sia Sue sia zia Coral – hanno conosciuto la tragedia. Come pensi che Sara Crowe riesca a combinare umorismo e dolore? Il connubio umorismo – dolore presente nel libro è equilibrato e bene amalgamato. L’umorismo non sovrasta il dolore, e viceversa. Anche in questo caso ho trovato lo stile dell’autrice estremamente delicato, rispettoso delle tragedie che hanno afflitto le protagoniste. Il dolore però non ha abbattuto queste due grandi donne, ma le ha rese ancora più forti. Ho adorato particolarmente il modo in cui zia Coral tenta di sdrammatizzare le situazioni che sembrano senza via di uscita, con un tocco del suo sano humor. Trovo che mantenere un atteggiamento propositivo anche di fronte alle difficoltà sia il modo più adatto per uscire a testa alta anche dal più cupo dei tunnel, e la saggezza di zia C si è rivelata l’arma vincente, sempre e comunque.
Sara Crowe è una pluripremiata attrice apparsa in film, commedie e drammi televisivi. Come pensi che questo abbia influenzato scrittura e personaggi? Si nota moltissimo la provenienza della scrittrice dal mondo della televisione. Molte scene si presterebbero benissimo per essere riprodotte anche in un film, o in una commedia teatrale. Inoltre ho trovato che i personaggi fossero davvero ben studiati, o per usare altri termini, ben calati nella loro parte. Il fatto che l’autrice sia anche un’attrice secondo me ha contribuito a dare più spessore ad ogni singolo personaggio, anche quelli secondari. Ogni attore per interpretare bene il proprio ruolo deve entrare nella pelle del personaggi che interpreta, e in questo caso Sara Crowe è entrata alla perfezione nei panni di Sue e zia Coral, rendendole un duo davvero elettrizzante!


“Campari a colazione” è stato paragonato ad altri romanzi che raccontano il passaggio alla maggiore età come “Il profumo delle campanule” e “Il diario segreto di Adrian Mole”. Quali altri romanzi potrebbero raccontare vicende simili? A quali altri scritti lo paragonereste? Come stile ” Campari a colazione” mi ha ricordato molto ” Zia Mame” di Patrick Dennis. La figura dell’eccentrica e stravagante zia è un must che, in qualunque occasione venga presentato, fa la sua ottima figura 🙂

Conosciamo meglio l’autrice: SARA CROWE

Vi lascio con un’intervista che l’autrice ha rilasciato riguardo al suo libro ” Campari a colazione”.

crowe

 Descrivi il romanzo Campari a colazione in una frase.
Un viaggio alla ricerca della verità.
Qual è la tua autrice preferita? 
Jane Eyre.
Qual è la giornata tipo di una scrittrice? 
Cerco di svegliarmi molto presto, prima di chiunque altro (prima di qualsiasi altra persona sana di mente, ovviamente). Il momento migliore per scrivere per me è tra le 6:00 e le 11:00 del mattino, perché durante la giornata poi ci sono così tante cose da fare! È più complicato se sto lavorando su più opere contemporaneamente. Devo organizzarmi in modo da concedermi – nel corso delle 24 ore – un po’ di tempo per me… che ovviamente impiego nei lavori domestici e dal parrucchiere!
Ami stendere direttamente la trama dei tuoi romanzo o segui il flusso dei pensieri? 
Preferisco seguire il flusso e vedere come le cose si sviluppano, ma cerco di tracciare anche un minimo di trama. Di solito comunque finisco per allontanarmi del tutto dalla traccia iniziale.
Quali consigli daresti a un aspirante scrittore? 
Non mollare mai! Inoltre, un consiglio mi hanno dato: ricordate che nulla è sprecato. Tutte le strade sbagliate e le porte in faccia aiutano a costruire un mondo immaginario – ecco, è anche la strada per conoscere meglio i vostri personaggi.
Ci sarà un “prossimo libro”? 
Martini Henry, a metà tra un giallo e una storia d’amore, in parte prequel e in parte sequel di Campari a colazione.  Ma… per ora non voglio svelare niente! Godetevi intanto la prima avventura di Sue Bowl!

SPECIAL EXTRAS:

zibba Vi piacerebbe vincere una copia omaggio di Campari a colazione?
Harlequin Mondadori vi dà la possibilità di ottenerne una. Come?

Dal 5 al 15 maggio: 

Cercate la pagina Facebook Harlequin Mondadori e cliccate Mi piace.

Cercare il post dedicato all’omaggio e lasciate un commento  scrivendo un pensiero speciale, un giorno che non dimenticherete mai o pubblicando  lo scatto di un oggetto che tenete custodito nel vostro diario. Una fortunata lettrice  riceverà una copia di Campari a colazione 🙂

Annunci

8 thoughts on “BLOGTOUR: Campari a Colazione di Sara Crowe

  1. Questo libro mi ispira tantissimo, anche perché ho letto delle belle recensioni a riguardo, compresa la tua 🙂 non vedo l’ora di riuscire a iniziarlo
    Un abbraccio ❤

    Mi piace

    1. Merita tantissimo, te lo garantisco! Ho visto che hai adorato Zia Mame, per cui ti piacerà anche questo che in quanto a stile e personaggi è simile! Un abbraccio a te ❤

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...