Recensione " Fiore di Fulmine" di Vanessa Roggeri

Buongiorno e felice Martedì a tutti miei cari! ^^
Che farete oggi di bello? Io starò sui libri a studiare – tanto per cambiare – e nel pomeriggio se riesco me ne vado un paio di ore in spiaggia per staccare da tutto e rilassarmi!

Il libro di cui vi parlo questa mattina è ” Fiore di fulmine” di Vanessa Roggeri che, ancora una volta, non si è risparmiata mettendo tutta se stessa nei suoi personaggi e nella sua storia! Ma procediamo con ordine.. Dopo le consuete generalità la mia opinione! ^^

Generalità del libro

fiore di fulmine
Titolo: Fiore di fulmineAutore: Vanessa Roggeri
Editore: Garzanti
Data di uscita: Maggio 2015
Costo previsto: 16.40 Euro
Pagine: 279

Trama

È quasi sera, quando all’improvviso il cielo si fa livido mentre enormi nuvole nere galoppano a colorare gli ultimi raggi di sole. Da sempre, la prima cosa da fare è rintanarsi in casa, coprire gli specchi e pregare che il temporale svanisca presto. Eppure la piccola Nora, undici anni e il coraggio più scellerato che la gente di Monte Narba abbia mai visto, non ha nessuna intenzione di mettersi al riparo. Nora vuole sfidare il vento che soffia sempre più forte e correre sulla cima della collina. È appena arrivata sotto una grande quercia quando un fulmine la colpisce sbalzandola lontano, esanime. Per tutto il piccolo villaggio sardo dove è cresciuta la bimba è morta. Ma non è quello il suo destino. Nora riapre i suoi enormi occhi verdi, torna alla vita. Il fulmine le ha lasciato il segno di un fiore rosso sulla pelle bianca e la capacità di vedere quello che gli altri non vedono. Nella sua famiglia nessuno la riconosce più. Non sua madre, con cui amava ricamare la sera alla luce fioca di una candela, né i suoi fratelli, adorati compagni di scorribande nei boschi. C’è un nome per quelle come lei, bidemortos, coloro che parlano con i morti, e tutti ne hanno paura. È diventata una reietta, una maledetta. Nel piccolo paese sardo non c’è più posto per lei. La sua nuova casa è Cagliari, in un convento, dove Nora chiude la sua anima in un guscio di dolore, mentre aspetta invano che qualcuno torni a prenderla. Finché un giorno, una donna vestita di nero, elegante e altera, si staglia sulla soglia del convento. È Donna Trinez, una ricca viscontessa. Lei conosce la storia di Nora e sa cosa significa perdere una parte della propria anima. Per questo ha deciso di aiutarla contro tutte le superstizioni. Perché uno sguardo buono e una carezza possono far rifiorire anche un cuore ferito

La mia opinioneMettete insieme una famiglia che vive di sacrifici, una giovane ragazza curiosa e temeraria e una giornata di pioggia improvvisa e otterrete tre degli ingredienti fondamentali che costituiscono il secondo libro di Vanessa Roggeri.
La storia segue le vicende di Nora Musa, una giovane che vive con la sua famiglia in un paesino della Sardegna e che rimane orfana di padre in tenerissima età. Da quel momento insieme alla madre e ai suoi tre fratelli cerca di sopravvivere come meglio può, ma Nora è ancora una bambina e, a differenza dei suoi coetanei, possiede uno spiccato senso di avventura che spesso la porta a sottovalutare la gravità degli eventi. Come accade il giorno in cui un fulmine la coglie nel bel mezzo di una tempesta, uccidendola.

L’inizio del romanzo è ricco di suspense, carico di atmosfere misteriose e suggestive che lasciano il lettore con il fiato sospeso. Il ritorno di Nora dal regno dei morti lascia di stucco tutto il paese ed in particolare a rimanere sconvolta dall’accaduto è Luigia, la madre della giovane. La donna percepisce che qualcosa nella sua bambina è cambiato per sempre, glielo legge negli occhi e nel suo comportamento, che è diverso da quello che era solita assumere fino a pochi giorni prima.
La famiglia Musa affronta sempre a testa alta le difficoltà, fin quando in loro aiuto non sopraggiunge la cugina Teresa, che avrà un ruolo cruciale per le sorti della nostra protagonista. Nora è diventata una persona che in dialetto sardo viene definita ” bidemortos” ossia “colei che vede i morti” e questo suo dono è reso più vivido e reale da uno strano tatuaggio che è comparso sul corpo della ragazza dopo essere resuscitata. Posso assicurarvi che per buona parte della lettura rimarrete letteralmente con il fiato sospeso, l’autrice è stata abilissima nell’infondere alla sua storia e alla sua protagonista un’aura di mistero che non se ne andrà mai per tutta la durata del libro.

Il romanzo inizia in maniera lenta e molto descrittiva, pur partendo col botto il lettore viene introdotto poco alla volta nel vivo della storia e la tragedia successa a Nora sarà il punto chiave su cui si baseranno gli eventi futuri narrati nel libro.
Veniamo così condotti attraverso la vita della più giovane della famiglia Musa, trasferita dapprima in un istituto per orfanelle e assunta poi da una delle Dame di Carità più famose di Cagliari, Donna Trinez.
E’da questo punto in poi del romanzo che la storia entra nel vivo e assume dei ritmi concitati e incalzanti. Le vicende che si susseguono nella lussosa villa dei Costa avranno delle sfumature paranormali, mistiche, eteree. Tra Nora e Donna Trinez si instaura un rapporto speciale, basato su stima e affetto reciproco ma anche su qualcosa di più, qualcosa che solo Nora può arrivare a comprendere fino in fondo e a portare alla luce. A fare da contorno al filo narrativo principale troviamo vari personaggi – tutti estremamente curati e ben pensati – come Annica e Giusta, le domestiche e amiche di Nora; Gabriele e Giaime Alagon, nipoti della padrona di casa; Mariano Costa, marito di quest’ultima ecc…
Leggendo il libro della Roggeri si ha la sensazione di essere trasportati in un altro mondo, e questo non solo per le doti che l’autrice ha affidato a Nora, ma anche per le ambientazioni storiche e sociali che ha scelto per il suo romanzo. Dai libri di questa autrice si percepisce molto il suo legame con la sua terra, la Sardegna, che viene sempre presentata al lettore nei suoi aspetti più reali, come ad esempio la vita di paese o le superstizioni legate a certi avvenimenti. ” Fiore di fulmine” è un libro che entra nelle vostre vite esattamente come un fulmine: prima vi incanta con la sua aura misteriosa, poi vi tiene sulle spine con la sua azione e infine vi colpisce dritti al cuore con il suo epilogo.

Il tuono cantò con rombo cupo nel cuore della notte, e il fiore di fulmine rispose con eco che imprigionava la carne bianca e tenera. Bruciava, il fiore vermiglio, dalla gola fino alla punta del piede, pulsava nei nervi e sulla pelle.

Le Pagelle del Salotto dei Libri

NORA MUSA: Affascinante protagonista che vi conquisterà con la sua caparbietà e la sua determinazione. Non ha avuto una vita semplice, anzi.. Si è sempre dovuta rimboccare le maniche per tirare avanti. Oltre ad essere una bidemortos ha anche un altro grande dono: è abilissima nell’arte del ricamo e questa sua passione la salverà da molti momenti di sconforto. Nora è un personaggio autentico, che il lettore sente vicino da subito, è ironica e pungente, è giusta e ferma nelle sue volontà e queste sue caratteristiche mi hanno portata ad amarla fino all’ultimo. Il suo coraggio è una costante in tutta la storia e la aiuterà in moltissime circostanze. VOTO: 9

DONNA TRINEZ: Figura eterea, avvolta da un’aura di fascino e malinconia al tempo stesso. Inizialmente sembra un personaggio tutto d’un pezzo, ma sotto la corazza ogni tanto lascia trapelare la sua vera anima, che da tempo oramai è tormentata e imprigionata nel dolore. Più si procede con la lettura e più si conoscono i vari aspetti caratteriali di questa donna, che finirete per amare e comprendere. Trinez è un personaggio giusto e leale, rispettabile e rispettosa del prossimo, e instaura con Nora un rapporto che va molto al di là della semplice relazione tra padrone e servo. Non a caso è una delle Dame di Carità più rinomate della città, e dimostrerà di possedere le qualità che faranno di lei una vera signora, di nome e di fatto. VOTO: 8.5

LUIGIA: Madre della protagonista. Nella storia assume un ruolo che può risultare incomprensibile a primo impatto, perché non ha dei comportamenti che ci si aspettano da una mamma. Scavando a fondo nella sua mente però si comprende come la morte del marito prima e quella della figlia poi l’abbiano profondamente scossa, lasciandole dei traumi difficili da mandare via. Il ritorno dal mondo dei morti della figlia segna definitivamente la sua rottura con la normalità e diventa una specie di automa soggiogato alla volontà di sua cugina Teresa, una dei personaggi più meschini in assoluto. Luigia a modo suo vuole bene a Nora, ma le manca la forza di volontà di affrontare la situazione e preferisce lasciare che siano altri a gestirla. VOTO: 7.5

GIAIME ALAGON: Nipote di Donna Trinez, rimasto zoppo in seguito ad uno spiacevole incidente. Nella storia non sembra avere un ruolo determinante, perlomeno inizialmente. Si limita a osservare attentamente Nora e a disegnarla di nascosto, rintanato nella soffitta al riparo dagli sguardi indiscreti. E’uno di quegli uomini all’antica, composto e bene educato, che cerca di comandare il suo cuore con scarsi risultati. Avrà un ruolo importantissimo verso la fine della storia. Senza di lui gli eventi avrebbero potuto prendere una piega molto diversa. VOTO: 8

A proposito di…

SVILUPPO DELLA STORIA: La storia è sviluppata in modo eccellente, senza punti morti o incoerenze narrative. Le ambientazioni sono realistiche, ben strutturati anche i dialoghi.

STILE E LESSICO: Lo stile dell’autrice è intenso, vibrante e melodico. Alcune introduzioni a inizio capitolo sono pura poesia. Il lessico è semplice ed efficace, ottima la grammatica. I periodi sono ben proporzionati.

VOTO COMPLESSIVO: Il mio voto per questo libro è di 8.5/10! 🙂

Annunci

9 thoughts on “Recensione " Fiore di Fulmine" di Vanessa Roggeri

  1. È lo stesso voto che ho dato io, all’incirca! 🙂 Ti faccio i complimenti per la recensione, molto bella davvero. Hai analizzato bene tutti gli aspetti, mentre io vado come sempre “di pancia”.
    Avevi letto anche il primo romanzo della Roggeri? A me manca ma voglio leggerlo da quando è uscito! *-*
    Un bacio!!!
    ps. io sto uscendo questa mattina per sbrigare delle commissioni e poi studio nel pomeriggio… divertiti in spiaggia!!! :)))

    Mi piace

  2. Innanzitutto ti auguro buona giornata, buono studio e soprattutto ti auguro di riuscire a staccare un po’ nel pomeriggio 🙂
    In secondo luogo ti dico che trovo questo libro davvero interessante ❤
    Bella recensione come sempre!
    Non vedo l'ora di vedere la mia!
    PS poi scrivimi su FB la mail del tuo acc you tube così poi quando faccio le prove del trailer e lo metto privato posso invitarti per vederlo ❤

    Mi piace

    1. Ciao Lauretta, sono riuscita a staccare ora e a trovare tempo di mettermi al pc D: Purtroppo oggi alla fine niente spiaggia, il tempo si è imbruttito e sono in quel periodo del mese.. Immaginami coi capelli dritti XD
      Ehm non credo di avere un account you tube, ma verifico e ti faccio sapere! Grazie per gli apprezzamenti ❤

      Liked by 1 persona

      1. Ah ok scusa! Non è necessario un canale eh, di solito ci si registra per poter mettere i video nei preferiti, poter commentare ecc, e si mette la mail, con quella mail si può essere invitati a vedere i video che sono privati. In ogni caso, senza fretta, tanto non è ancora pronto.

        Mi piace

  3. Sì, può succedere! Invece a me con questo libro è successo il contrario: non sapevo come descrivere le emozioni che era stato in grado di darmi! Ma a parte tutto l’ho veramente amato.

    …ho visto il banner! *w* mio!!!

    Mi piace

  4. Ciao Simo, buono studio e poi buon relax! Trovo questo libro molto interessante, dalla trama particolare! Ci farò un pensierino!!! Bellissima recensione
    Bacioni

    Mi piace

    1. E’veramente un bellissimo libro Virgy, davvero particolare sia per come è scritto che per la storia! Grazie mille per gli apprezzamenti e un bacione 🙂

      Mi piace

  5. Spero tu sia riuscita ad andare in spiaggia! Qua c’è un vento pazzesco, speriamo non porti la pioggia che stasera c’è la Tortellata di San Giovanni!!

    Bellissima recensione come sempre, mi sono già affidata ai tuoi consigli di lettura e la prossima volta sarà per questo libro!

    Mi piace

    1. Niente spiaggia purtroppo – sigh, sigh T.T! Spero che da te non piova in ogni caso almeno riesci a goderti la serata 🙂

      Non te ne pentirai se leggerai questo libro, penso proprio che possa piacerti! Grazie e un bacio 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...