[Recensione] Io sono buio – Kiersten White

Buongiorno lettori,
buon Lunedì a tutti voi! Come avete trascorso il weekend? Io sono stata alla fiera Più libri più liberi qui a Roma e devo dire che mi è piaciuta molto (a fine serata ero distrutta, ma ne è decisamente valsa la pena). Ve ne parlerò in un articolo dedicato nei prossimi giorni : )
Oggi invece chiacchieriamo insieme di un libro dal potenziale enorme che, spero, verrà sfruttato meglio nei capitoli successivi della saga. Nello specifico sto parlando di Io sono buio di Kiersten White, pubblicato il mese scorso da Fabbri Editori.

2d624-71zesmrtoalUna principessa non dovrebbe essere brutale. Ma Lada, figlia di Vlad Dracul, è diversa da ogni altra: affamata di potere fin da piccola, preferisce la lotta e i coltelli alle bambole. L’esatto contrario del fratello Radu, dolce, bellissimo e delicato come un bocciolo di rosa. Quando i due vengono lasciati in ostaggio dal padre, ancora bambini, al sultano dell’Impero Ottomano – prigionieri di un sovrano crudele e sottomessi a una cultura completamente diversa dalla propria – Lada inizia a progettare la sua spietata vendetta. Mentre la ragazza si prepara a combattere, il figlio del sultano Mehmed si mette tra lei e il fratello, spingendoli a diventare rivali. E in questo triangolo avvelenato forze potenti tendono gli animi: desideri di riscatto, gelosie tremende e un’ambizione sfrenata. Avvolta in un vortice di passioni turbinose, Lada si troverà di fronte alla scelta più difficile: portare a termine il suo piano o arrendersi all’unico nemico che forse non è in grado di sconfiggere, l’amore.


15409914_10206022578523434_1141573257_oIniziamo subito con una dovuta premessa: se pensate di leggere un fantasy vi sbagliate di grosso, perché questo libro non si può certamente ricondurre a tale genere. Direi piuttosto che ci troviamo davanti ad un romanzo di narrativa storica dove elementi puramente fittizi sono mescolati ad altri attinenti alla realtà. Esempio ne è la presenza dell’impero ottomano e della sua posizione di supremazia rispetto ai regni confinanti durante la seconda metà del 1400. La storia segue prevalentemente le vicende di Ladislav Draculesti, figlia primogenita del voivoda di Valacchia, Vlad Dracul. Quest’ultimo, purtroppo, si rivelerà essere un personaggio totalmente privo di spessore all’interno del romanzo, una figura totalmente distante da quella misteriosa e ferina dipinta da Stoker nel suo celebre capolavoro. Colei che da senso e colore a tutto il romanzo è Lada, temeraria e battagliera sin dalla tenera età e determinata più che mai a rivendicare la sua appartenenza alla Valacchia, terra in cui è nata e cresciuta fino ad un certo punto della sua vita. Accanto a lei troviamo coprotagonisti che, per quanto ben caratterizzati, non reggono il confronto: da una parte c’è il fratello minore, Radu, che ho trovato intrigante e perspicace, anche se talvolta non sono riuscita a comprendere a pieno le sue scelte; dall’altra parte c’è Mehmed, figlio del sultano ottomano Murad, amico di infanzia dei fratelli Draculesti e, per una concatenazione di eventi, erede al trono. Mehmed è un personaggio carismatico, non sempre ha dimostrato di possedere la stoffa del leader e questo lo ha reso più credibile ai miei occhi, perché onestamente di personaggi perfetti che sanno sempre quello che dire o fare ne ho incontrati fin troppi. In Mehmed invece ho riscontrato elementi di originalità e questo è un punto che va sicuramente a favore dell’autrice.
Io sono buio è un romanzo articolato e complesso, costituito da sovrastrutture narrative che donano profondità alla storia: la trama infatti non si sviluppa solamente attorno a Lada, ma a capitoli alterni vediamo i vari scenari e le varie situazioni anche dal punto di vista di Radu. Non ho particolarmente apprezzato la scelta di narrare la storia in terza persona, perché in molte occasioni mi sarebbe piaciuto entrare nella mente di Lada o di Radu e vivere i loro pensieri senza filtri. Questo tipo di narrazione, in questo caso, mi ha impedito anche di instaurare il giusto feeling con i personaggi, perché per quanto lo stile dell’autrice sia senza alcun dubbio interessante purtroppo mi è mancata quella scintilla in più. Con ciò non voglio dire che Io sono buio non sia un buon prodotto, ma semplicemente non si è rivelato fino in fondo all’altezza delle mie aspettative.io-sono-buio-photo
A suo favore ci sono molti elementi, primo fra tutti una prosa scorrevole e fluida supportata poi da una protagonista sopra le righe e indimenticabile. Lada è il vero punto di forza di questo romanzo ed è davvero unica. Ha un carattere impetuoso, è una guerriera e non teme di gettarsi nella mischia. Verrà messa a capo di un contingente di giannizzeri (soldati ottomani) e saprà battersi con onore, anche più di un uomo. Lada non ha avuto un’infanzia felice, il suo amore per il padre non è mai stato ricambiato e le sue speranze sono state disattese più di una volta. Mi è piaciuto il suo legame con il fratello, anche se non aspettatevi il classico rapporto che solitamente troviamo nei libri. Lada e Radu si respingono e si allontanano più di una volta, soprattutto dopo che succederà qualcosa (cosa dovrete scoprirlo voi). Le scene di lotta sono ben descritte e le ho trovate avvincenti, così come ho apprezzato lo spazio che l’autrice ha dato alla componente romance, che c’è ma è decisamente secondaria rispetto ad altri elementi. Lada non è un personaggio facilmente incline a smancerie, ma qualcosa in lei ad un certo punto cambia e ne potremo apprezzare anche il lato più fragile e umano.
Nel complesso Io sono buio è un libro che mi è piaciuto, mi ha intrattenuta e legata a sé per molti pomeriggi e non vedo l’ora di leggerne il seguito. Molto bella la cover (anche se per certi versi fuorviante, visto che il libro non è un fantasy).
Complessivamente il mio giudizio finale è di 3.5/5. Spero vivamente che l’immenso potenziale della trama verrà sfruttato e sviluppato al meglio nei capitoli successivi.
Alla prossima,
Simona

Annunci

7 pensieri riguardo “[Recensione] Io sono buio – Kiersten White

  1. Ciao, bella recensione.. Ero infatti molto indecisa se leggerlo o meno… Anche io dalle premesse mi aspettavo qsa di più corposo perché quando si parla di Dracula si parla di un mito importante.

    Mi piace

  2. Io l’ho finito questa notte in aeroporto e, con appena 2 ore di sonno alle spalle, mi sono dedicata alla recensione. Che dire, l’ho amato tanto che mi ha spinto a ricercare anche maggiori informazioni sul personaggio originale. Un libro che, a mio avviso, merita tutte le 5 stelline che gli ho dato.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...