[Recensione] Carry on – Rainbow Rowell

Buongiorno lettori e buon Venerdì a tutti voi!
Oggi parliamo di un libro fresco di stampa, colorato e curato, incantevole e magico dalla prima all’ultima pagina: Carry on di Rainbow Rowell (autrice che sicuramente gli amanti di Eleanor&Park e Fangirl già conosceranno).

carry onCarry on – Rainbow Rowell
Edizioni Piemme, 540 pagine
Genere: Young Adult
Traduzione di: Federica Merani
Cartonato con sovraccoperta, € 17,00
In vendita da: Marzo 2017
Simon Snow è il peggior prescelto di sempre. Questo è ciò che sostiene Baz, il suo compagno di stanza. Baz potrà anche essere un vampiro e un nemico, ma ha probabilmente ragione. Per la maggior parte del tempo infatti Simon non sa far funzionare la sua bacchetta, oppure non sa controllare il suo inestinguibile potere mandando tutto a fuoco. Il suo mentore lo evita, la sua ragazza lo ha lasciato, e un mostro con la sua faccia si aggira per Watford, la scuola di magia in cui frequentano l’ultimo anno. Allora perché Baz non riesce a fare a meno di stargli sempre intorno?


WhatsApp Image 2017-04-06 at 09.32.50.jpegCarry on di Rainbow Rowell è un libro bello sotto ogni punto di vista: adoro i suoi dettagli, la cura con cui la copertina e le illustrazioni interne sono state realizzate, la mappa colorata e precisa che si trova all’inizio e alla fine del libro, il font utilizzato e la struttura dei capitoli. Tutto, di questo romanzo, mi ha affascinata e stregata, stile dell’autrice compreso: la Rowell è leggera come una piuma, delicata come un soffio di vento e, al tempo stesso, affilata come una lama. Queste caratteristiche si riscontrano tanto nella struttura narrativa del romanzo quanto nei personaggi principali, delineati alla perfezione e credibili nei panni che l’autrice ha scelto per loro.
C’è Simon – il prescelto – un ragazzo Normale con dei poteri straordinari, l’unico che può sconfiggere il Tedio e liberare il mondo della magia dalla sua oscura minaccia. C’è poi Baz, il suo nemico-amico, compagno di stanza e vampiro dal fascino etereo, membro di una delle Antiche Famiglie in lotta contro il governo dell’Arcimago. Altro personaggio importantissimo è Penelope, migliore amica di Simon, coraggiosa e leale, un vero punto di riferimento per il prescelto e suo braccio destro. Infine, tra i personaggi principali, c’è Agatha, che ci viene presentata come la fidanzata di Simon e che, nel corso della storia, compirà delle scelte discutibili (ma non vi dico altro).
In compagnia di questi quattro giovani maghi non vi annoierete di sicuro: avventura, adrenalina, colpi di scena e tanto altro vi aspettano pagina dopo pagina, il ritmo diventa via via più serrato e non mancheranno emozioni contrastanti e scelte importanti.
WhatsApp Image 2017-04-06 at 09.32.40.jpegCarry on mi ha ricordato per molti aspetti una delle saghe che più in assoluto ho amato, quella di Harry Potter. Impossibile non notare le somiglianze, anche se fortunatamente la Rowell ha saputo mantenere una sua originalità e ha sviluppato la trama in maniera differente, riuscendo a concentrare pathos e azione in 500 pagine senza dilungarsi troppo. Tutte quelle che erano le mie preoccupazioni iniziali riguardo le somiglianze con Harry Potter sono svanite e mi sono goduta un romanzo fresco e avvincente senza troppi pensieri. La Rowell è riuscita a farmi staccare la spina, ha saputo costruire un mondo magico con ironia e creatività, senza lasciare nulla al caso. Watford è una scuola di magia dove non sono presenti solo maghi, ma anche vampiri, sirene, lupi mannari e altre creature soprannaturali dotate di poteri magici e, a capo di tutto, c’è l’Arcimago (una sorta di Silente, per capirci), figura ambigua che non sono riuscita ad inquadrare sin da subito a causa di intrecci e guerre intestine con le Famiglie Antiche. Una cosa che non mi è piaciuta particolarmente sono, ahimè, gli incantesimi: piuttosto banali, mi sarei aspettata qualcosa di più fantasioso e attinente al mondo della magia. Il giudizio finale rimane comunque positivo, ho apprezzato molto Carry on e sono rimasta colpita in particolar modo dallo stile dell’autrice, fluido e scorrevole e sempre sul pezzo. Il mio voto è di 4/5 stelline, consiglio la lettura di questo libro a chi ha amato Harry Potter, a chi ama la magia e a chi, indipendentemente dall’età, non smette di sognare.
Alla prossima,
Simona

Annunci

One thought on “[Recensione] Carry on – Rainbow Rowell

  1. Non so perché ma non riesco ancora a leggere la Rowell.
    Da una parte sono attratta da lei (specialmente da “Fangirl”), dall’altra, proprio “Fangirl” (di cui ho letto un estratto) mi sembrava noiosissimo…
    Secondo te devo darle una chance? Iniziando da questo o da altro?

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...