[Recensione] Nel profondo della foresta – Holly Black

Buongiorno lettori, bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi esce finalmente il nuovo romanzo di Holly Black, Nel profondo della foresta, pubblicato da Mondadori Chrysalide. Mi è piaciuto? È riuscito a farmi immergere nell’armosfera fatata che caratterizza la storia? Continuate a leggere per scoprirlo! 

Nel profondo della forestaNel profondo della foresta – Holly Black

Mondadori, 252 pagine
Traduzione di: Francesca Novajra
Collana: Chrysalide
Cartonato con sovraccoperta, € 18.00
In vendita da: Aprile 2017

Nel profondo della foresta c’era una bara di vetro che giaceva sulla nuda terra. Dentro vi riposava un ragazzo con le corna in testa e orecchie affilate come coltelli… Hazel e il fratello Ben sono cresciuti a Fairfold, una piccola città dove, da tempo, gli umani hanno imparato a convivere pacificamente con le creature fatate della vicina foresta. Un posto diventato meta di tanti turisti curiosi, attratti dalle magie che qui hanno luogo ma in particolare dal ragazzo con le corna che riposa dentro una bara di vetro, la meraviglia più grande di tutte. Affascinati fin da bambini da questa presenza misteriosa, Hazel e Ben hanno provato più e più volte a immaginarne la storia. Nelle loro fantasie il giovane era a volte un principe dal cuore nobile e dalla natura buona e generosa, e altre un essere crudele e spietato. Ora che è cresciuta, però, Hazel pensa che sia arrivato il momento di accantonare tutte quelle fantasie infantili accettando il fatto che, per quanto lo abbia desiderato a lungo con tutta se stessa, il ragazzo con le corna non si sveglierà mai. Un giorno, però, quello che sembrava impossibile accade… sconvolgendo la vita della ragazza, di suo fratello e della loro città. Fiaba moderna dalle sfumature dark, appassionante e ricca di colpi di scena, Nel profondo della foresta segna il ritorno di Holly Black ai romanzi delle origini che l’hanno fatta conoscere, e amare, dai lettori.


Risultati immagini per dark forest gif

Fiaba moderna dalle sfumature dark, appassionante e ricca di colpi di scena, Nel profondo della foresta segna il ritorno di Holly Black ai romanzi delle origini che l’hanno fatta conoscere, e amare, dai lettori.

Mistero, magia e coraggio sono gli ingredienti chiave di questo libro, divorato in un paio di giorni e finito tra le letture preferite del mese senza alcun dubbio. Holly Black è un’autrice che apprezzo molto e Nel profondo della foresta è la prova di quanto io e le sue storie andiamo d’accordo: sin da subito sono entrata in sintonia con Hazel, la protagonista femminile, una ragazza complessa e coraggiosa che sarà al centro della maggior parte delle dinamiche su cui l’intero romanzo si basa. Azione, intrighi e un Popolo Fatato dipinto nel suo aspetto più selvaggio e sinistro non mancheranno di creare la giusta atmosfera dark ideale per letture di questo tipo. Già il titolo, Nel profondo della foresta, è altamente evocativo e lascia presagire l’ambientazione cupa e misteriosa in cui la vicenda si svolge: Hazel, suo fratello Ben e il loro amico changeling Jack vivono a Fairfold, un paese la cui storia è da sempre legata a quella delle creature fatate ed è intrecciata in modo indissolubile con la magia. Accanto al paese si estende una foresta popolata da fate, gnomi, folletti e tanti altri, a capo dei quali si trova Re Alno, figura ambigua e dall’indiscutibile fascino (come tutte le fate, d’altronde). In questo libro le creature sovrannaturali hanno una connotazione sinistra, sono dipinti come esseri per lo più malvagi e senza scrupoli e questo mi ha intrigata moltissimo, sono riuscita totalmente ad immergermi nell’atmosfera oscura che l’autrice ha voluto creare e ho apprezzato moltissimo il contrasto – e al tempo stesso la vicinanza – tra mondo magico e mondo normale, due realtà differenti che, però, hanno imparato a coesistere (anche se non senza problemi). Il mistero della storia si sviluppa attorno alla figura di un affascinante ragazzo con le corna imprigionato da anni e anni in una bara di cristallo all’interno della foresta. Hazel e Ben, sin da piccoli, hanno inventato storie su quello che hanno sempre definito il <<loro principe>> e hanno sempre immaginato il momento in cui si sarebbe svegliato. Nessuno di loro, però, si aspettava che succedesse davvero. Dal risveglio del misterioso ragazzo cominciano a verificarsi vari episodi inquietanti a Fairfold, il mostro della foresta sembra più vicino che mai e i nostri protagonisti affronteranno tante magiche avventure, chi servendosi della prode spada, chi affidandosi ad un’alleata improbabile, ma preziosa: la musica.
Tra amicizie, amori non corrisposti, fratellanza e tanto, tantissimo coraggio Hazel, Ben e Jack vivranno un’avventura fatata insolita, alle prese con antiche tradizioni e magie oscure, con un popolo fatato controverso e da scoprire poco alla volta. Uno dei punti forti del romanzo è senza dubbio l’atmosfera che l’autrice è riuscita sapientemente a creare, pregna di magia e indiscutibilmente affascinante. Ho trovato la Black magnetica come al solito, il suo tocco è inconfondibile, così come l’intreccio perfettamente riuscito tra magia e normalità. Ho apprezzato moltissimo la scelta della Mondadori di tenere la cover originale, che trovo bella e decisamente attinente con la storia narrata.
Consiglio la lettura a chi ama il genere fantasy, a chi non può proprio fare a meno di creature magiche e di intrighi, a chi, nelle fate, ci crede davvero. Il mio voto è di 4/5.
Alla prossima,
Simona

Annunci

2 thoughts on “[Recensione] Nel profondo della foresta – Holly Black

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...