[Recensione] Ritratto di dama – Giorgia Penzo

Buon pomeriggio, cari lettori!
Chiudiamo la settimana con la recensione di un libro che mi ha colpita molto e che ho divorato nell’arco di un paio di ore, in compagnia di una tazza di tè e di una fetta di torta al cioccolato. Il libro in questione è Ritratto di dama di Giorgia Penzo, pubblicato da Carta Canta Editore.

Ritratto di damaRitratto di dama – Giorgia Penzo
Carta Canta Editore, 150 pagine
Genere: Paranormal Romance
Copertina flessibile, € 13.00
In vendita da: Febbraio 2017

Il viaggio di due anime che si amano da sempre e che combattono per incontrarsi, una favola metropolitana dalle atmosfere parigine. Notte di San Lorenzo. Seduta su una panchina di fronte a Notre Dame una ragazza sembra aspettare qualcuno. Guillaume, studente di Storia dell’arte, la nota da lontano. Incrocia il suo sguardo e ha un sussulto: è identica alla famosa Belle Ferronnière ritratta da Leonardo da Vinci. Con una immediata complicità, dal Point Zéro inizia la loro passeggiata attraverso la Ville Lumière. I due parlano di ciò di cui è fatta la vita: arte, fato, desideri, morte. Ma soprattutto d’amore. A un passo dall’alba, la ragazza svela a Guillaume il suo segreto…


In realtà il colpo di fulmine è un ricordo.
Un ricordo non della mente, ma del cuore, che ci sussurra:
Hai amato quella persona in un altro tempo,
in un’altra vita

belleferroniere.jpgImmaginate di innamorarvi di qualcuno che esiste soltanto nella vostra mente e di votare a questa persona la vostra intera esistenza. Sapete qual è la cosa più bella? Che a volte l’impossibile può diventare realtà. E’ ciò che accade al protagonista del romanzo, l’artista bohemien Guillaume, da sempre ossessionato dal quadro la Belle Ferroniere di Leonardo Da Vinci. L’intensità dei sentimenti del giovane pittore è tangibile, l’autrice riesce a dipingere magnificamente stati d’animo e pensieri, donando colore e profondità anche al dettaglio più piccolo. Una sera, mentre passeggia tra la folla parigina, Guillaume scorge una giovane donna che assomiglia in tutto e per tutto alla dama del celebre quadro del maestro fiorentino. Elle, questo il nome della giovane, rivelerà la sua storia e riuscirà a tenere in pugno i vostri cuori (oltre che quello di Guillaume). I due si conoscono, si rivelano, scopriranno di essere anime affini e di voler condividere molto più di una semplice notte.
Cosa mi è piaciuto di questo romanzo?
Innanzitutto lo stile dell’autrice, impeccabile dall’inizio alla fine. Le sue descrizioni di Parigi sono mozzafiato, sembra di camminare per le strade della Ville Lumiere e di percepire gli odori, i sapori e i colori. La bravura di Giorgia è evidente poi anche nei dialoghi tra i personaggi, mai banali, e nelle descrizioni di sentimenti, stati d’animo ed emozioni. Le pagine di questo romanzo trasudano eleganza, poesia e garbo. Leggendo Ritratto di dama ho provato una sensazione agrodolce, perché pur essendo indubbiamente una storia d’amore – quel tipo di amore che trascende lo spazio, il tempo e, perché no, la logica – la vicenda di Guillaume ed Elle è anche triste e velata di malinconia. Immaginate di trovare l’amore della vostra vita e di rischiare di perderlo senza poter fare nulla. Non sentite il vostro cuore incrinarsi nel petto?
Mi sono innamorata dei personaggi e della città di Parigi, sono rimasta ammaliata dallo stile di Giorgia, che trovo essere il vero punto di forza del romanzo. La trama ha senza dubbio il suo perché, ma sono sicura che il risultato è stato così magico proprio grazie alla bravura dell’autrice e al suo modo semplice e naturale di mettere su carta parole ed emozioni. Ritratto di dama è un libro che sono felicissima di avere scoperto, che consiglio di cuore a tutti voi – in particolare ai romantici e ai sognatori, a tutti quelli che la notte di San Lorenzo rivolgono il naso all’insù e aspettano ansiosi di scorgere un lampo di luce nel cielo, a coloro che credono nell’amore eterno e nella predestinazione. C’è tanto cuore tra le pagine di questo romanzo e sono sicura che ne rimarrete ammaliati anche voi. Promuovo a pieni voti questa autrice italiana e spero di leggere presto altro di suo, perché è davvero bravissima.
Il mio voto finale è di 4/5.
Alla prossima,
Simona

Annunci

4 thoughts on “[Recensione] Ritratto di dama – Giorgia Penzo

  1. L’ho letto anch’io e condivido a pieno il tuo parere. Mi è sembrato di leggere un grande classico in chiave moderna. La prosa è ottima e la storia è cosi romantica, affascinante e anche originale, che mi ha rapita. Lo consiglio di cuore e spero di poter leggere ancora scritti di Giorgia ☺☺

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...