[Review Party] Paper Princess – Erin Watt

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi vi parlo del libro che è ufficialmente diventato il tormentone dell’estate: Paper Princess di Erin Watt, primo volume della serie The Royals pubblicato in Italia da Sperling&Kupfer. Preparatevi ad una lettura travolgente, i Royal saranno la vostra rovina!

Paper PrincessPaper Princess – Erin Watt
Sperling&Kupfer, 340 pagine
Traduzione di: Elena Paganelli
Serie: TheRoyals #1
Collana: Pandora
Genere: Young Adult
Cartonato con sovraccoperta, € 14,90
In vendita da: Maggio 2017

A diciassette anni, Ella Harper ha già imparato a sbrigarsela da sola. Sempre in fuga, dalle difficoltà economiche e dagli uomini sbagliati di sua madre, si è districata tra mille lavori per riuscire a far quadrare i conti, studiare e costruirsi un futuro migliore. Finché, un giorno, nella sua vita compare un certo Callum Royal. Distinto ma deciso, nel suo costoso abito di sartoria, dice di essere il migliore amico del padre, che lei non ha mai conosciuto, nonché il suo tutore legale. In quanto tale, sarà lui d’ora in poi a sostenere le spese per il suo mantenimento e la sua istruzione, a patto che Ella accetti di vivere con lui e i suoi cinque figli. Ella sa che il sogno che Callum Royal sta cercando di venderle è sottile come carta. Ed è diffidente e furiosa. Ma ancora di più lo sono i fratelli Royal. Easton, Gideon, Sawyer, Sebastian e… Reed. Magnetici e pericolosi, non mancano di farla sentire un’intrusa: lei non appartiene, e non apparterrà mai, alla loro famiglia. E a nulla valgono i tentativi pacificatori di Callum. Ella però non è certo il tipo che si lascia intimorire, e le scintille a casa Royal non tardano ad arrivare. Soprattutto dopo un bacio rubato, che innescherà un’inarrestabile spirale di rabbia, gelosia e desiderio. Per non scottarsi, Ella dovrà imparare presto le regole del gioco…


Un patto che nasconde più di un segreto.
Un sogno fragile come carta.
Una passione che non darà tregua.

WhatsApp Image 2017-06-05 at 20.52.40.jpegPaper Princess è senza ombra di dubbio il libro dell’estate, quello di cui sentirete parlare ovunque, quello che vi farà sospirare, ridere, battere il cuore, ma anche indignare in più di un’occasione. Una volta iniziato è impossibile da mettere giù, non esagero quando vi dico che crea una vera e propria dipendenza. I Royal sono un concentrato di testosterone e muscoli, irresistibili e – sì – spesso e volentieri anche piuttosto arroganti e scontrosi.
Ella è invece una ragazza con gli attributi, provata dalle sofferenze che la vita le ha riservato e determinata più che mai a laurearsi e a trovare un lavoro normale che le permetta di vivere dignitosamente. Quando la nostra agguerrita protagonista si ritrova a vivere sotto lo stesso tetto dei cinque fratelli più adorati e temuti della Astor High la tensione sale alle stelle e l’atmosfera, decisamente, si surriscalda – tra Ella e Reed, il Royal più sfuggente e spregiudicato, sono subito scintille e fuochi d’artificio, ogni occasione è quella giusta per stuzzicarsi e i due iniziano una vera e propria guerra, dalla quale uno solo può uscire vincitore.
Per Ella farsi accettare dalla nuova e inaspettata famiglia non è semplice, i ragazzi Royal sono delle vere e proprie teste dure e l’aver perso la madre qualche anno prima ha contribuito a corazzare i loro cuori così apparentemente cinici e spietati. Ella dovrà tirare fuori tutta la grinta e il carattere di cui è dotata per tenere testa ai ragazzi, quindi preparatevi a scene esilaranti e divertenti, spesso e volentieri trash. Utilizzo questo termine in senso buono – per una volta – perché questo libro è meravigliosamente trash, quel tipo di trash che ti spinge a divorare le pagine senza sosta, a fare le ore piccole incurante del sonno e delle occhiaie che fanno implacabilmente capolino dal loro nascondiglio. Paper Princess è un libro estremamente frivolo e leggero, non ha la pretesa di essere un romanzo di formazione, bensì di intrattenimento e, fatemelo dire, riesce alla grande nel suo obiettivo, perché metterlo giù è impossibile, semplicemente dopo aver assaggiato una piccola dose di Royal ne vorrete sempre di più, insaziabili e avide come non mai.
WhatsApp Image 2017-06-05 at 20.52.28.jpegHo amato moltissimo lo stile narrativo delle due autrici – ebbene sì, perché Erin Watt è lo pseudonimo di due famosissime scrittrici americane – sempre sul pezzo, adeguato al tipo di storia raccontata e ai personaggi dalle mille sfaccettature. Paper Princess è un libro d’evasione, di quelli da portare in spiaggia e divorare tra un cocktail e l’altro, di quelli da consigliare alle amiche per poi poterne parlare fino a notte fonda.
Ella e Reed sono due personaggi pieni di difetti e assolutamente lontani dalla perfezione, ci sono occasioni in cui li odierete e altre in cui vi innamorerete follemente di loro – stesso discorso vale per gli altri Royal, in particolare per il fratello giocherellone e amante delle donne, Easton, che considero la vera e propria anima della storia, quella persona sopra le righe che movimenta le serate e che, sotto sotto, nasconde un cuore grande quanto una casa.
Nonostante abbia amato moltissimo la figura di Easton è Reed, però, ad avermi rubato il cuore – con la sua aria da duro, i suoi occhi magnetici, la sua anima tormentata. Reed è un personaggio difficile da gestire, lo capisco, ed è anche difficile da comprendere e amare. Credetemi quando vi dico che interpretare i suoi atteggiamenti non sarà una passeggiata, infatti questo è uno dei motivi principali per cui non vedo l’ora di avere sottomano Paper Prince, secondo libro della trilogia in cui spero di conoscere più da vicino l’impenetrabile fratello Royal.
Insomma, cari lettori, dire che sono entusiasta di questa lettura è scontato, penso si capisca dalle mie parole. Paper Princess è strepitoso e, a mio giudizio, sarà il libro di questa estate 2017, preparatevi perché sono sicura che ne sentiremo parlare molto.
Il mio voto è di 4,5/5!
Alla prossima,
Simona

Annunci

One thought on “[Review Party] Paper Princess – Erin Watt

  1. Se penso che c’è gente che lo ha condannato perché frivolo, perché uno YA “non dovrebbe” (e dove sta scritto?) essere così “volgare”. Come se nella realtà i ragazzi di 17 anni fossero tutti cuori e fiori.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...