[Recensione] Atlante leggendario delle strade d’Islanda

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei libri!!
La settimana inizia con la recensione ad un manuale straordinario, unico e curato sin nel più piccolo dettaglio ( sia a livello grafico che di contenuto), che vi farà venire immediatamente voglia di fare le valigie e partire alla volta dell’Islanda, una terra affascinante come poche e ricca di tradizioni, miti e leggende. L’atlante leggendario delle strade d’Islanda è la guida perfetta per viaggiare, anche solo con la fantasia, alla scoperta di un popolo e della sua cultura multiforme, spesso ai più sconosciuta.

Atlante leggendario delle strade d'Islanda.jpgAtlante leggendario delle strade d’IslandaAtlante leggendario delle strade d’Islanda
A cura di: R. Hjálmarsson
Iperborea, 252 pagine
Traduzione di: Silvia Cosimini
Collana: Narrativa
Nazione: Islanda
Copertina flessibile, € 16.50
In vendita da: Giugno 2017

Tra le ricchezze letterarie dell’Islanda c’è un patrimonio di miti e leggende tramandato attraverso i secoli che è tutt’oggi una presenza viva nell’immaginario popolare. Questo anche perché in nessun altro posto come in Islanda le storie sono inscindibili dal paesaggio, nascono da una natura “vivente” e misteriosa, che non ha tardato a popolarsi di troll, elfi, spettri, eroi e stregoni. Ogni angolo del paese ha ispirato le sue leggende, da cui spesso derivano gli stessi toponimi, e ogni leggenda può essere mappata geograficamente. L’Atlante leggendario delle strade d’Islanda ci guida in un viaggio attraverso l’isola raccontando le leggende più memorabili di ogni luogo, dalle località più famose agli angoli più remoti e inesplorati. Storie che spiegano l’origine di un villaggio, di una credenza o di una roccia bizzarra; storie sul serpente del lago Lagarfljót, sugli spiriti che dimorano in un anfratto, in una casa abbandonata o in una collina di lava; storie di eventi poderosi, imprese eroiche, luoghi sacri o incantati; storie legate al credo pagano, come la leggenda dell’impronta dello zoccolo di Ásbyrgi, e altre più recenti basate su eventi reali, come la tragica scomparsa di un gruppo di bambini in una cascata. Accompagnato da pratiche mappe e piccole illustrazioni, l’Atlante è suddiviso in zone geografiche e ogni leggenda è preceduta da un’introduzione che la localizza e ne spiega l’origine oltre a dare una descrizione del panorama circostante e curiosi cenni storici e culturali sulla regione, indicando di volta in volta quali sono i luoghi che hanno lasciato una loro traccia anche nelle saghe.


Atlante leggendario delle strade d’Islanda.
atlantecard1 (1).pngE’questo il titolo con cui i tipi di Iperborea scelgono di stuzzicare la nostra fantasia, determinati più che mai a trascinarci all’interno di un’avventura senza eguali, alla scoperta di luoghi e paesaggi indimenticabili. Devo ammettere che ci sono riusciti, e anche alla grande. Iniziare a sfogliare questo libro significa salpare verso lidi sconosciuti e mondi immaginari, significa approdare in terre selvagge e lande desolate, dove la dirompente forza della natura prevale su tutto il resto. L’Islanda è un Paese di cui, generalmente, si conosce poco – e quel poco è quasi sempre strettamente connesso all’ambito religioso. In realtà, tra i ghiacciai e i boschi si nascondono tesori inestimabili, vere e proprie pietre miliari che compongono, pezzo dopo pezzo, la storia di una delle culture più variegate ed affascinanti di sempre. Islanda è magia, Islanda è mistero, Islanda è fusione tra passato e presente e in questo atlante speciale vivrete un’esperienza che cambierà – o rafforzerà – il vostro modo di guardare ad essa.
Il libro è suddiviso in varie sezioni, ognuna dedicata ad una zona specifica dell’Islanda (esempio: parte orientale, parte meridionale ecc…) e, per ognuna di esse, ci vengono presentate delle leggende tipiche che si tramandano da secoli tra la popolazione. All’inizio di ogni racconto vi è una spiegazione accurata dell’origine e dei motivi per cui la credenza in questione è così radicata in quel determinato posto, così da rendere ancora più chiaro quello che ci apprestiamo a leggere. Nell’introduzione del libro viene spiegato che molte leggende sono state accorciate per motivi logistici – pur mantenendo la loro essenza originale e il loro valore simbolico – quindi non temete racconti infiniti o storie che non vanno a parare da nessuna parte: le leggende narrate in questo atlante sui generis sono ricche e varie, estremamente scorrevoli ed accattivanti e, soprattutto, riescono a riportare alla mente un immaginario collettivo di cui, molto spesso, dimentichiamo di essere parte. Pur appartenendo a culture e a zone geografiche diametralmente opposte, infatti, scoprirete che molte delle leggende proprie del popolo atlantecard2.pngislandese sono molto vicine a noi, seppur formulate in termini e dinamiche differenti. Gli insegnamenti e le morali contenute alla fine di ogni storia sono perlopiù universali, e proprio per questo trovo l’Atlante una lettura valida e adatta ad ogni tipo di lettore.
L’impostazione narrativa del libro è funzionale e, a mio avviso, particolarmente ben riuscita: il tutto, infatti, ruota attorno alla famosa Statale n°1, la strada principale dell’Islanda che attraversa il Paese da Nord a Sud e che percorreremo anche noi in questa magica e fantastica avventura. All’interno del libro trovate una mappa illustrata così da poter rendere il viaggio ancora più realistico e suggestivo e, tra le pagine, non mancano disegni e ulteriori illustrazioni che rendono l’impatto visivo decisamente più gradevole. Quando l’utile si unisce al dilettevole il risultato è sempre eccezionale, se poi ci riferiamo ai libri Iperborea la garanzia di qualità è praticamente scontata.
L’atlante leggendario delle strade d’Islanda è un libro speciale che non può mancare nella libreria di un appassionato di letteratura nordica o, più semplicemente, in quella di un sognatore. La cura con cui quest’opera è stata realizzata è tangibile – anche a livello di traduzione, che ho trovato davvero ottima. Il mio voto finale è di 5/5 stelline. Leggetelo tutti perché merita davvero!! Alla prossima,
Simona

Annunci

2 thoughts on “[Recensione] Atlante leggendario delle strade d’Islanda

  1. Grazie Simona, lo metto di sicuro in lista! 😉
    Ah, a proposito: fino ad un attimo prima di leggere la tua recensione, guardando il titolo avevo letto “d’Irlanda”; solo a metà articolo ho letto il paese giusto… vabbè… 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...