[Recensione] Fiori sopra l’inferno – Ilaria Tuti

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!!
Dopo aver letto due thriller abbastanza deludenti sono lieta ora di potervi parlare di Fiori sopra l’inferno, esordio per Longanesi della friulana Ilaria Tuti.

Fiori sopra l'infernoFiori sopra l’inferno – Ilaria Tuti
Longanesi, 372 pagine
Genere – Thriller
Copertina rigida, € 16.90
Ebook, € 8.99

«Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell’orrido che conduce al torrente, tra le pozze d’acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l’esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l’inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa.
Sono un commissario di polizia specializzato in profiling e ogni giorno cammino sopra l’inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall’età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l’indagine.
Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura


LA NUOVA PROMESSA DEL THRILLER ITALIANO
UNA STORIA CHE SCUOTE LA MENTE E IL CUORE

pexels-photo-167699 (1).jpegL’esordio di Ilaria Tuti è stato preceduto da un grande fermento in rete e da una massiccia campagna pubblicitaria da parte della casa editrice – non sempre queste operazioni di marketing sono veritiere, ma in questo caso sì. Ilaria Tuti cattura l’attenzione sin da subito, complici atmosfere suggestive e scorci della vegetazione selvaggia ed incontaminata del Friuli Venezia Giulia, perfetto sfondo per un omicidio efferato e per un’indagine da brivido. Il commissario Teresa Battaglia è senza dubbio un altro dei punti di forza del romanzo: avanti con l’età, diabetica, decisamente poco in forma e, soprattutto, schiva e burbera. Teresa Battaglia è schietta, perspicace, empatica solo con chi decide lei. E’ una donna forte e tenace che si ritrova a fare i conti con gli anni che avanzano e con una ferita mai ricucita del tutto che ha determinato la sua solitudine e ha forgiato la sua tempra, messa ora a dura prova dall’incedere inesorabile di qualcosa a cui non può rimediare. Teresa è, inoltre, una profiler eccellente, riesce con pochi indizi ad effettuare un’analisi dettagliata dei vari criminali che incontra sulla propria strada, sa quali sono i punti deboli su cui affondare la lama per poter giungere alla risoluzione dei casi. Questa volta, però, non è così’ semplice: il killer che ha iniziato a seminare paura tra gli abitanti della piccola comunità di Travenì non rientra in nessuno schema, agisce impulsivamente, senza controllo. Il commissario e la sua squadra, tra cui spicca l’ispettore Marini, si mettonopexels-photo-418831.jpeg subito sulle tracce dell’assassino, scavando nel passato e nei segreti di una valle avvolta da misteri e silenzio. Il romanzo abbraccia diversi punti di vista, permettendoci di entrare nei pensieri più profondi di vari personaggi e di conoscerli meglio. L’indagine si snoda tra passato e presente, portando alla luce una realtà mostruosa e aberrante (purtroppo non fittizia) che influirà molto sulla sorte degli eventi e sui protagonisti della vicenda. Fiori sopra l’inferno è un esordio eccellente e ben costruito in ogni suo dettaglio, i personaggi funzionano e sono umani, veri, imperfetti. Lo stile dell’autrice è magnetico, riesce ad assorbire completamente l’attenzione del lettore. Ilaria Tuti è estremamente versatile, passa da un registro ad un altro con disinvoltura e competenza e riesce a donare emozioni intense in ogni circostanza. Un romanzo che si fa leggere in pochissimo tempo, col fiato sospeso e il cuore a mille. Consigliatissimo!
Alla prossima,
Simona

Un pensiero riguardo “[Recensione] Fiori sopra l’inferno – Ilaria Tuti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...