[Blogtour] Il karma dell’amore inaspettato – Stefania Serafini

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!!
Inauguriamo la prima settimana di Luglio con la presentazione di un libro – e di un’autrice – che personalmente mi hanno incuriosita moltissimo!!
L’estate è il periodo perfetto per leggere romanzi young adult e quello che ci propone la piemontese Stefania Serafini sembra avere tutte le carte in regola per conquistare i nostri cuori e per allietare le nostre giornate!!

logo_e3d50669b413d161eb332aa85ebe90fd

Il karma dell'amore inaspettato

Newton Compton Editori – 480 pagine
€ 10,00
In libreria da Giovedì 06 Luglio

logo_2ebd8598d28efba0ea673bea1bfaa27b.png

Londra, giorni nostri. Juliet ha diciassette anni ed è costretta a trasferirsi nella casa del nuovo compagno della madre, dove vive con il figlio, Alexander, un ragazzo bellissimo e dallo sguardo tormentato. Già dal primo incontro la relazione tra Juliet e Alexander è più complicata del previsto: lui è scontroso, arrogante e offensivo. Nei giorni seguenti le cose peggiorano addirittura, dato che frequentano la sua stessa scuola e Alex non si fa sfuggire occasione per prenderla in giro per i suoi risultati scolastici. Juliet ci rimane male, non capisce il motivo di tanto astio e si sfoga con le amiche, ma non dice niente al fidanzato. I brutti voti in fisica e la paura di una punizione spingono Juliet a cercare di persuadere il professore in modo poco ortodosso, Alex la vede e minaccia di spifferare tutto alla madre. Juliet è furibonda, ma la resa dei conti con quel secchione dagli occhi di ghiaccio è ormai vicina… anzi è già cominciata, ed è una guerra fino all’ultimo respiro…

logo_645c4d677d03997136a8244fed53e5b3

Intelligente e diverso dal solito
Un caso editoriale sul web
Oltre due milioni di letture

«Mi ha letteralmente conquistata, ho provato emozioni forti e contrastanti. Non vedo l’ora di leggere il seguito… che ci sarà, vero?»

«Bellissimo! Una storia più che d’amore di dipendenza, diversa dal solito e molto intrigante.»

logo_ee893403bffd7691910015cb6dfa5857

 

Stefania Serafini è nata in Piemonte, ha frequentato l’Università degli Studi di Torino e si è laureata in Lingue e Letterature Straniere. Ha pubblicato a puntate il suo romanzo sul web ottenendo oltre 2 milioni di letture. Una volta uscita la versione ebook, Il karma dell’amore inaspettato è salito velocemente nelle classifiche degli store digitali arrivando ai primi posti, dove è rimasto per settimane.

1) Ciao Stefania e benvenuta al Salotto dei Libri!! Parlaci di te, quali sono i tuoi hobby preferiti? Cosa ami fare nel tempo libero?
SS: Amo la musica e le serie tv, ma la scrittura è sempre stata la mia passione più grande. Quando mi sento ispirata passo le giornate intere a buttare giù qualsiasi cosa mi passi per la mente. Se invece sono in giro e mi viene un’idea, prendo subito il telefono e comincio a scrivere…non posso farne a meno! Sono anche un’appassionata di alimentazione sana, amo correre, fare attività sportiva e giocare con il mio cane!
2) Il karma dell’amore inaspettato ha riscosso un successo notevole sul web. Ti aspettavi questo risultato?? Quali sono stati i tuoi primi pensieri quando hai scoperto che la Newton Compton avrebbe pubblicato il tuo romanzo?
SS: Speravo che il libro potesse incontrare i gusti dei lettori e riscuotere un discreto successo, ma non mi aspettavo che arrivasse primo nelle classifiche!

Quando ho scoperto che la Newton Compton avrebbe pubblicato il mio romanzo non riuscivo a crederci…è accaduto tutto così in fretta! Ero talmente contenta che ogni tanto mi capitava di fermarmi a pensare: “Ma sta succedendo per davvero?!”.

3) Come è nata l’idea della storia di Juliet e Alexander? Ti sei ispirata a qualcosa in particolare o è tutto frutto della tua immaginazione??

SS: La storia è frutto della mia immaginazione!

4) Ci sono dei rituali che accompagnano le tue sessioni di scrittura?? Ad esempio musica in sottofondo, qualcosa da sgranocchiare a portata di mano ecc…
SS: Credo che musica aiuti a far viaggiare la fantasia e a stimolare la creatività, quindi l’unico vero rito che compio durante la scrittura è proprio quello di ascoltare dei brani musicali. Di solito scelgo il genere in base a ciò che sto scrivendo in quel dato momento e in generale prediligo la musica rilassante. La storia di Juliet e Alexander infatti, l’ho scritta con sottofondo musicale di brani a base di pianoforte. Questo genere mi rilassa e mi aiuta a trovare la concentrazione necessaria per la stesura dei dialoghi.
5) Quali sono i tuoi autori preferiti e perché??
SS: I miei autori preferiti? John Green e J.K Rowling.

Con Cercando Alaska John Green mi ha conquistata. Non avevo mai letto un libro dallo stile così semplice, schietto e scorrevole. Per quanto riguarda J.K Rowling…non credo siano necessarie spiegazioni, ha scritto un capolavoro! Un altro libro al quale sono molto legata è Va dove ti porta il cuore di Susanna Tamaro. L’ho letto quando ero bambina e mi è rimasto nel cuore.

6) Quale suggerimento ti senti di dare a chi,come te, prova a scalare le vette delle classifiche?? 
SS: Il mio consiglio è quello di crederci fino in fondo. So che può sembrare un consiglio banale, ma penso sia di fondamentale importanza avere una forte fiducia nel proprio lavoro…solo così si è in grado di mettere anima e corpo nella creazione del libro e nella promozione dello stesso. Fate tutto il possibile per promuovere il vostro romanzo, se poi questo piacerà ai lettori…il gioco è fatto!
7) Hai altri progetti in cantiere?? Se sì puoi svelarci qualcosa in anteprima?
SS: Devo ammettere che scrivo molto, quindi mentirei se dicessi che non ho diverse storie nel cassetto! E poi chissà…magari Il karma dell’amore inaspettato potrebbe avere un seguito…
8) Grazie mille per essere stata con noi e in bocca al lupo!!
SS: Grazie a voi! Per me è stato un piacere!

Cosa ve ne pare??
A me incuriosisce tantissimo!!! Di seguito trovate il calendario con le tappe che troverete online nei prossimi giorni:

calendario.jpg

Alla prossima,
Simona!

[Recensione] Nerve – Jeanne Ryan

Buongiorno lettori e buon Giovedì a tutti!
Oggi parliamo di uno dei libri che più attendevo con ansia sin da quando, l’anno scorso, ne è stata annunciata l’uscita. Sto parlando di Nerve di Jeanne Ryan, pubblicato in Italia dalla Newton Compton.

NerveNerve – Jeanne Ryan
Newton Compton, 256 pagine
Collana: Vertigo
Genere: Narrativa
Copertina semi rigida, € 10,00
In vendita da: Giugno 2017

Quando viene selezionata come concorrente per Nerve, un gioco in diretta online, Vee non è sicura che avrà il coraggio necessario ad affrontare le sfide via via proposte. Eppure chiunque si nasconda dietro Nerve sembra conoscerla alla perfezione e sapere esattamente ciò che desidera: i premi sono allettanti e il suo partner nel gioco è il ragazzo perfetto, il brillante e sensuale Ian. In un primo momento tutto si rivela incredibilmente divertente: i fan di Vee e Ian tifano per loro e li spingono ad alzare la posta con imprese sempre più rischiose. Ma il gioco ha una svolta poco chiara quando i partecipanti vengono indirizzati verso una località segreta con altri cinque giocatori per il round del Gran Premio, la finale di Nerve. Improvvisamente stanno giocando il tutto per tutto e in palio c’è la loro vita. Fino a che punto il sangue freddo di Vee la sosterrà per andare avanti?


Are you a watcher or a player?

nervecard1.pngNerve è un libro che non lascia tregua, per cui prima di iniziarlo assicuratevi di avere tanto tempo libero a disposizione, perché ne avrete bisogno. Sin da subito l’autrice ci catapulta in una realtà per certi versi alternativa, per certi versi invece piuttosto simile alla nostra. La protagonista è Vee, una giovane ragazza che potremmo definire normale, una di quelle che ha sempre fatto il proprio dovere e si è sempre prodigata per gli altri. Tutto questo prima che nella sua vita entrasse Nerve, un gioco virtuale capace di creare una vera e propria dipendenza e, soprattutto, di mettere in pericolo la propria identità. Ma, a questa conclusione, Vee non ci arriverà subito. Prima di capire il reale pericolo che si cela dietro alle clausole e alle condizioni che ha accettato al momento dell’iscrizione a Nerve, la protagonista attraverserà sfide, scontri, situazioni spesso divertenti, spesso al limite. A rendere la sua spericolata corsa più rassicurante c’è Ian, un ragazzo conosciuto sul gioco che sembra corrispondere in tutto e per tutto all’ideale d’uomo della ragazza.
Vee e Ian diventano famosi su Nerve e i followers li spingono inesorabilmente verso nuove ed eccitanti sfide, finché arriva per i protagonisti un momento in cui il desiderio di tirarsi indietro diventa più forte del brivido e della sensazione di onnipotenza. Come chiamarsi fuori, però, da qualcosa che ha messo radici in noi nonostante la nostra volontà? Come contrastare un sistema che mira a impossessarsi della nostra identità e a privarci della nostra vita?? Quando Vee lo capirà sarà troppo tardi.
Voi cosa sareste disposti a sacrificare per i soldi e per la fama?
nervecard2.pngQuesta è una delle domande chiave su cui si basa l’intero romanzo, che ha come scopo l’intenzione di insinuare nel lettore un dubbio e di farlo riflettere su quanto un semplice clic possa cambiare tutto. Nerve è un gioco che non esiste nella vita reale, ma pensate ai numerosi casi di furti di identità che quotidianamente avvengono online, pensate ai numerosi giochi d’azzardo che ci spingono a mettere in gioco tutto, persino quello che non abbiamo.
La storia mantiene sempre un ritmo incalzante e serrato, nella parte centrale del libro azione e adrenalina sono le parole d’ordine e vi ritroverete a sfogliare spasmodicamente le pagine ansiosi di scoprire cosa succederà andando avanti in questo perverso e discutibile gioco. Ho apprezzato tantissimo lo stile dell’autrice, davvero appropriato al tipo di storia narrata, e anche i personaggi – in particolare il protagonista maschile, Ian, mi ha conquistata a suon di ironia e dolcezza. Il libro scorre meravigliosamente, arriverete alla fine senza nemmeno accorgervene e scoprirete la presenza di alcuni punti interrogativi rimasti irrisolti. Ci sarà un seguito alla storia di Vee e Ian? Io spero proprio di sì.
Come ciliegina sulla torta ora mi manca solamente andare al cinema e vedere il film che è stato tratto da questo romanzo. Non vedo l’ora e spero che si rivelerà altrettanto eccitante e coinvolgente!! Il mio voto è di 4/5 stelline,
Alla prossima
Simona

[Recensione] Destiny. Un amore in gioco – Lindsey Summers

Buongiorno a tutti, cari lettori!
Oggi parliamo di uno young adult perfetto per la stagione estiva, un libro spensierato e divertente da gustare sotto l’ombrellone o a bordo di una piscina. Sto parlando di Destiny. Un amore in gioco di Lindsey Summers, pubblicato alla fine del mese scorso dalla Newton Compton.

Destiny un amore in giocoDestiny. Un amore in gioco – Lindsey Summers
Newton Compton, 288 pagine
Genere: Young Adult
Collana: Anagramma
Cartonato con sovraccoperta, € 10,00
In vendita da: Maggio 2017

Per Keeley sarebbe stato già un disastro aver preso il telefono sbagliato, l’ultimo giorno di scuola appena prima di partire per le vacanze estive. Ma il disastro si trasforma in una vera catastrofe quando scopre di aver preso per errore quello dell’odioso, egocentrico Talon, che tra l’altro è appena partito per il ritiro di football… con il suo telefono. Con riluttanza, i due decidono di inoltrarsi reciprocamente i rispettivi messaggi per una settimana. E così, giorno dopo giorno, Keeley inizia a conoscere un altro lato di Talon, che non le dispiace per nulla. C’è molto oltre la facciata dell’atleta sbruffone che la maggior parte delle persone vede. E inizia a esserci molto di più anche nel cuore di Keeley riguardo a Talon. Troppo. Messaggio dopo messaggio, riesce a esprimersi come non le era mai capitato, e sente che potrebbe davvero diventare la persona che ha sempre voluto essere. E quando i due finalmente, dopo sette lunghi giorni, si incontrano per scambiarsi i telefoni, scocca la magica scintilla. Ma, mentre Keeley ha giocato a carte scoperte, Talon nasconde un segreto che li riguarda. Qualcosa che potrebbe cambiare la loro relazione. E quando Keeley lo verrà a sapere, potrà fidarsi ancora di lui?


Puoi innamorarti di qualcuno che non hai mai incontrato?

summerscard1.pngQuando ho iniziato a leggere Destiny non avevo aspettative altissime, credevo fosse il classico young adult infarcito di cliché e fatto passare come il caso editoriale dell’anno. In parte mi sono ricreduta, perché la lettura si è rivelata molto più soddisfacente di quello che credevo e la storia di Keeley e Talon è riuscita a farmi evadere dalla realtà per qualche giorno. I due giovani protagonisti si conoscono virtualmente grazie ad una circostanza bizzarra: durante una giornata al luna park si scambiano accidentalmente i rispettivi telefonini e questo li mette in contatto e fa nascere tra loro un rapporto giocoso e provocatorio in pieno stile adolescenziale. Ora, vi faccio una premessa: se deciderete di leggere questo romanzo mettete da parte tutto ciò che ha a che fare con la logica, perché qui ci troviamo di fronte ad una situazione piuttosto surreale che si protrae per tutta la durata della storia. Chi di voi dopo aver perso il proprio telefono non lo vorrebbe indietro subito? Chi di voi si metterebbe a flirtare con un perfetto sconosciuto, che potrebbe tranquillamente essere un maniaco? Immagino nessuno, eppure è ciò che fa Keeley. Io non mi sento di fare la bacchettona, perché siamo di fronte ad un romanzo d’evasione che si prefigge come unico scopo quello di intrattenere un pubblico prettamente adolescente, quindi decido di passare sopra all’effettiva illogicità della trama e di elencarvi invece i motivi per cui Destiny mi ha piacevolmente colpita.
Innanzitutto si fa leggere in pochissimo tempo, è una lettura senza troppe pretese che vi servirà per staccare il cervello da impegni e quotidianità, ed è anche una lettura che vi farà scoprire – o, come nel mio caso, riscoprire – il piacere e la gioia di essere un’adolescente. Keeley e Talon sono spensierati come solo due ragazzi della loro età sanno essere, si punzecchiano e si provocano dando vita ad uno scambio di battute spesso e volentieri anche piuttosto divertente, ma ci faranno vivere anche dei momenti più seri e importanti, quei momenti che prima o poi capitano a tutti e che ricorderemo come i più importanti. Lo stile narrativo dell’autrice è fresco e leggero proprio come il tipo di storia raccontata e mi è piaciuta molto la semplicità con cui ci ha aperto le porte sul mondo di Keeley e Talon, che dopo aver superato lo scoglio della conoscenza virtuale si ritroveranno coinvolti in un turbine di fraintendimenti e rivalità mai sopite.
Ribadisco che è un libro da leggere mettendo da parte la razionalità e il buonsenso, si tratta di una storia leggera e, come tale, va affrontata. Il mio voto finale è di 3/5 stelline, purtroppo non posso dare di più perché – pur essendo un romanzo molto scorrevole – non brilla sicuramente per originalità.
Alla prossima,
Simona

[Review Party] La libreria degli amori impossibili – Elisabetta Lugli

Buongiorno lettori e buon Giovedì a tutti voi!
Oggi il Salotto dei Libri è lieto di ospitare una tappa del review party dedicato a La libreria degli amori impossibili di Elisabetta Lugli, romanzo vincitore del concorso Il mio Esordio 2016 e disponibile da oggi in tutte le librerie e nei migliori store online.
Preparatevi ad una lettura fresca, leggera e ricca di avventure – ideale per inaugurare al meglio la stagione estiva oramai alle porte.

La libreria degli amori impossibiliLa libreria degli amori impossibili – Elisabetta Lugli
Newton Compton Editori, 250 pagine
Collana: Anagramma
Cartonato con sovraccoperta, €9,90
In vendita da: Maggio 2017

Anna vive a Torino e lavora alla Stella Polare, una libreria che offre ai suoi lettori una scelta di libri ricercati e raffinati. Quel posto le piace, nonostante le stranezze di Adele, la ricca proprietaria dal carattere brusco, a volte quasi ostile. Per il resto, la vita di Anna si divide tra una stramba famiglia, amiche eccentriche e una storia d’amore che non è mai davvero decollata. La sua routine s’interrompe quando, una mattina, legge sul giornale locale che Claudia, la sua migliore amica ai tempi dell’università, che non vede da molti anni, ha avuto un incidente. Combattuta sul da farsi, decide alla fine di andare a trovarla, non sospettando che quell’incontro possa cambiare la sua vita… Anna torna in libreria letteralmente sconvolta: tanti anni fa Claudia le ha mentito, Claudia l’ha indotta a lasciare Luca, il suo primo grande amore, Claudia ha condizionato le sue scelte. Le domande sul passato si affollano nella mente di Anna, tutte senza risposta. O almeno così sembra. Perché Anna non sa ancora che il destino sta per giocarle un altro scherzo. Qualcuno, proprio quel giorno, entra alla Stella Polare…


Una bugia può cambiare per sempre la tua vita…

WhatsApp Image 2017-05-17 at 21.22.59La libreria degli amori impossibili è uno di quei romanzi che inizi a leggere e non riesci a mettere giù se non alla fine: è accattivante, ben narrato, scorre senza sosta e travolge il lettore come un fiume in piena. A supportare lo stile maturo e pertinente dell’autrice ci sono dei personaggi scoppiettanti e variegati che non mancheranno di riservarci sorprese nel corso della storia. La protagonista indiscussa è Anna, una giovane donna che lavora alla libreria Stella Polare ed è fidanzata con Edoardo – le cose, però, non vanno bene e la relazione tra i due sembra destinata a non prendere il volo. A frenare Anna è principalmente un conto in sospeso con il passato, un grande amore finito male che l’ha segnata per sempre e le ha lasciato addosso insicurezze e dubbi. Il destino decide di intervenire e, complice un incidente stradale di una ex amica della protagonista e un incontro fortuito, le carte in gioco vengono irrimediabilmente mescolate. Anna si ritrova di nuovo faccia a faccia con Luca, il suo storico fidanzato, e da quel momento in poi – sul piano sentimentale – nulla sarà più lo stesso.
Nello stesso momento la vita di Anna subisce un brusco cambio di marcia anche sul fronte lavoro, quando la signora Adele – proprietaria della Stella Polare – prenderà una decisione che lascerà la protagonista, e tutti noi, a bocca aperta.
La libreria degli amori impossibili è un libro che affronta la vita e i problemi che, prima o poi, tutti ci ritroviamo a dover risolvere. Le tematiche che l’autrice prende in esame sono varie e più o meno complesse: Anna dovrà fare i conti con un passato non troppo passato, con una rivelazione shock, con tanti cambiamenti decisivi anche sul fronte famiglia e amicizie. Insomma, quello che Elisabetta Lugli ci regala è un romanzo sfaccettato e dinamico, ricco di insidie e di rivincite, di sorrisi e lacrime, di sentimenti ed emozioni. Mi sono affezionata moltissimo ad Anna e ho vissuto con lei ogni singolo momento, ogni vittoria ed ogni delusione. L’ho trovata matura, consapevole di sé e rispettosa delle persone a cui vuole bene. Ho notato in lei una crescita nel corso della storia e, lasciatemelo dire, il cambiamento le ha decisamente giovato: Anna è rifiorita, ha ritrovato fiducia in se stessa come donna, ha chiuso porte e ha trovato la forza di guardare al futuro senza timori, consapevole della potenza di un sentimento travolgente come l’amore e pronta più che mai ad accoglierlo nella sua vita.
Promossi anche i personaggi secondari, in particolare il gruppetto di amiche della sorella di Anna – simpaticamente ribattezzate “le Cougar” – e la migliore amica della protagonista, l’esuberante e vulcanica Giulia.
Cari lettori, come avrete sicuramente capito promuovo questo libro senza indugi e ve ne consiglio la lettura, ideale per chi è alla ricerca di una storia godibile e affatto pesante da divorare nell’arco di due pomeriggi. Il mio voto finale è di 4/5 stelline.
Alla prossima,
Simona

[Recensione] La rosa del califfo – Renée Adhieh

Cari lettori,
anche oggi sul blog sarà giornata dedicata alle recensioni! Ultimamente ho letto tantissimo, quindi preparatevi perché questa settimana avrete tanti suggerimenti di lettura ad attendervi!
Quello di cui parliamo ora è un libro a cui tengo tantissimo, che mi ha rubato il cuore e il sonno: La rosa del califfo di Renée Adhieh, secondo e ultimo volume della duologia iniziata con La moglie del califfo (QUI la mia recensione), pubblicata in Italia dalla Newton Compton.

La rosa del califfoLa rosa del califfo – Renée Adhieh
Newton Compton Editori, 382 pagine
Collana: Anagramma
Genere: Fantasy – Young Adult
Traduzione di: Arianna Pelagalli e Loredana Palladini
Cartonato con sovraccoperta, € 10.00
In vendita da: Aprile 2017

Shahrzad è stata la moglie del califfo del Khorasan. Era giunta nella sua dimora con lo scopo di vendicare la morte di altre fanciulle andate in sposa a lui. Poi il suo piano è saltato, Khalid non è infatti il mostro che tutti credono. È un uomo tormentato dai sensi di colpa, vittima di una potente maledizione. Ora che è tornata dalla sua famiglia, Shahrzad dovrebbe essere felice, ma quando scopre che Tariq, suo amore d’infanzia, è alla guida di un esercito e sta per muovere guerra al califfo, la ragazza capisce che deve intervenire se vuol salvare ciò che ama. Per tentare di evitare una sciagura, spezzare quella maledizione, ricongiungersi a un uomo di cui ora scopre di essersi innamorata, Shahrzad farà appello ai suoi poteri magici, a lungo rimasti sopiti dentro di lei…


Eccitante, pieno di sentimento.
Un racconto da mille e una notte.
Kirkus Review

WhatsApp Image 2017-05-02 at 22.04.11.jpegQualche giorno fa ho inaugurato il blogtour dedicato a questa meravigliosa serie parlandovi della protagonista, Sharhzad, una donna forte e coraggiosa che mi è rimasta particolarmente impressa nella mente e nel cuore dopo la lettura del primo libro della duologia, La moglie del califfo. Se allora mi aveva intrigata, adesso mi ha definitivamente conquistata: Shazi è una delle protagoniste migliori che io abbia mai incontrato in un libro, è determinata e curiosa, innamorata e incoerente, appassionata e combattuta. In lei convivono due nature: quella che gli altri vorrebbero che fosse e quella che realmente è. In questo libro la conosciamo più da vicino e abbiamo modo di apprezzarla ancora di più: dopo il finale da brivido con cui l’avevamo lasciata ne La moglie del califfo, ora la ritroviamo insieme alla sorella minore Irsa e al suo baba vittima di una maledizione, ospite in un accampamento di balawi. Insieme a lei c’è il suo vecchio amico Tariq, il ragazzo di cui era innamorata prima di conoscere il re fanciullo, il califfo Khalid.
La prima parte del libro è introduttiva e ci rivela la situazione di Rey, la capitale del regno, dopo la tremenda tempesta che l’ha coinvolta alla fine del primo romanzo: mentre Shazi è stata allontanata e tratta in salvo da Tariq, Khalid è rimasto a vegliare su ciò che rimane del suo palazzo e, sotto mentite spoglie, si reca quotidianamente tra il popolo per aiutare a ricostruire la città. Mai come in questo romanzo ho amato Khalid: il mio amore per lui era già sbocciato ne La moglie del califfo, e qui si è consolidato in tutta la sua potenza. Sia Khalid che Shazi sono due personaggi fantastici, imperfetti e spesso incoerenti, inclini all’impulsività e agli errori e, proprio per questo, dannatamente reali. Di loro si possono apprezzare i pregi e i difetti, l’autrice li ha descritti in maniera vivida e concreta, risulta difficile non tifare per il loro tormentato amore. Anche qui aspettatevi imprevisti e colpi di scena: Shazi e Khalid non avranno vita facile, tanti cercheranno di opporsi e di mettersi tra di loro, i nemici non sono pochi e subentreranno guerre e insurrezioni. Quello che rimane costante è il desiderio di amarsi, di ritrovarsi nonostante tutto. Non so spiegarvi perché , a me però la Adhieh con le sue descrizioni fa venire i brividi: mi emoziono con le parole di Khalid, con i silenzi di Shazi, con gli sguardi infuocati tra i due che dicono più di mille parole. Lo stile di questa autrice è inconfondibile, potrei riconoscerlo tra mille: adoro l’intensità che imprime nei suoi personaggi e nelle emozioni da cui sono guidati, adoro il suo tratto leggero e fluido, incisivo nei punti giusti e più morbido quando serve. La componente romance è sicuramente fondamentale in questa duologia, dà sale a tutta la vicenda e fa sognare il lettore ad occhi aperti: Khalid è tutto fuorché il mostro che il popolo dipinge, Shazi è una delle poche persone a conoscere la verità sul suo conto e a sapere perché il giovane califfo ha rubato le vite di tante fanciulle prima di lei. Le ambientazioni del romanzo sono fantastiche, si respira aria di deserto, profumi mediorientali di spezie e fragranze, ci si perde tra i colori delle tuniche e dei turbanti indossati dai personaggi. Tutto è magia ne La rosa del califfo, un sequel assolutamente all’altezza del suo predecessore e capace di far sognare (a me ha fatto fare le ore piccole, pensate!).
La seconda metà del libro è decisamente più movimentata dell’inizio, non mancano scene di lotta e di azione, ma anche passione pura quando Shazi e Khalid si rincontrano dopo tanto tempo. Non ci posso fare nulla: il mio cuore palpitante di lettrice romantica è debole a certe scene, si agita ed inizia a battere forsennatamente nel petto,col rischio di farmi iperventilare. In questo secondo capitolo della saga conosciamo più da vicino anche Irsa, la sorella minore di Shazi, e ne possiamo apprezzare la caparbietà e il coraggio, il suo essere presente e preoccuparsi per le sorti dei suoi cari, la sua timidezza che sconfiggerà pagina dopo pagina.
La rosa del califfo è un romanzo corale, focalizzato principalmente sui due bei califfi, che abbraccia però una moltitudine di personaggi, regalandoci ricordi più o meno piacevoli di ognuno di loro. Se ancora non lo aveste capito non potete lasciarvi sfuggire questa serie, è una delle più belle che io abbia letto negli ultimi anni e spero tanto che possa arrivare sui vostri scaffali, perché merita tantissimo. Il mio voto non può che essere di 5/5 stelline.
Cara Renée, questo non è un addio – ma un arrivederci! ❤
Alla prossima,
Simona


Insieme alle ragazze del blogtour – che ringrazio per la bella esperienza condivisa – abbiamo posto alcune domande alla nostra amata autrice. Di seguito trovate la sua risposta al mio quesito:

  • Who is Renée Ahdieh in every day life? What do you love most?
    Chi è Renée Adhieh nella vita di tutti i giorni? Quali sono le cose che ami maggiormente?

This is such a fun question! In every day life, I’m a girl who enjoys books, food, makeup, fashion, and spending time with those I love. I most enjoy seeing good movies and trying new foods—anything that gives me a new experience!

Questa è una domanda davvero divertente! Nella vita di tutti i giorni sono una ragazza che ama i libri, il cibo, il make-up, la moda e, inoltre, amo trascorrere del tempo con coloro che amo. Mi piace molto guardare bei film e provare nuovi cibi – quindi amo tutto ciò che può essere considerato una nuova esperienza! 

Da questa risposta deduco che io e Renée potremmo essere ottime amiche nella vita reale! Spero di conoscerla, prima o poi ❤