[Recensione] La piccola libreria di Venezia – Cinzia Giorgio

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi parliamo del nuovo romanzo di Cinzia Giorgio, La piccola libreria di Venezia, pubblicato intorno alla metà del mese scorso da Newton Compton.

la piccola libreria di venezia.jpgLa piccola libreria di Venezia – Cinzia Giorgio
Newton Compton Editori, 288 pagine
Collana: Anagramma
Genere: Narrativa
Copertina rigida, € 10.00
In vendita da: Ottobre 2017

Margherita ha un dono: sa consigliare a ogni persona il libro giusto. È per questo che, delusa dalla fine della sua storia d’amore, lascia Parigi e torna a Venezia, con l’intenzione di aprire una libreria nella bottega d’antiquariato appartenuta al padre. Poco prima dell’inizio dei lavori di ristrutturazione, rovistando tra vecchie carte, Margherita trova, incastrata in fondo a un cassetto, una foto che ritrae una giovane donna. “Per Anselmo, il mio grande amore”, recita la dedica sul retro, che riporta anche data e luogo: aprile 1945, Borgo degli Albizi, Firenze. Margherita nota con stupore che la ragazza ha al collo un ciondolo identico a quello che le ha lasciato suo zio Anselmo. Com’è possibile? Quel ciondolo è un pezzo unico, non può trattarsi di una copia. Incuriosita dalla scoperta, decide di indagare e parte per Firenze. La sua piccola ricerca la conduce in una libreria, la cui proprietaria è la figlia di Emma, proprio la donna della foto. Ma in quel luogo Margherita conosce anche qualcun altro: Fulvio, uno scrittore un tempo famoso, che non pubblica da anni e che nasconde un mistero nel suo passato…


Una giovane donna alla ricerca del suo passato. Un incontro del destino tra le pagine di un libro.

Tra le pagine del nuovo romanzo di Cinzia Giorgio si respirano l’odore avvolgente del cioccolato e quello magico dei vecchi libri antichi, riportati alla luce da una libraia appassionata che decide di donare nuova vita all’impresa di famiglia rimasta abbandonata per troppo tempo. La piccola libreria di Venezia narra la storia di Margherita Calvani e ci riporta sulle orme del primo, indimenticabile successo della Giorgio, La collezionista di libri proibiti, in cui abbiamo conosciuto il padre della giovane protagonista, Davide, e Olimpia, la donna della sua vita. Ancora una volta, motore di tutto è l’amore: per i libri, per la famiglia, per un passato da riportare alla luce.
Galeotta una foto trovata casualmente nella libreria di famiglia prima dell’inizio dei lavori di ristrutturazione, grazie alla quale Margherita si mette sulle tracce di Emma Gigli, vecchio amore del suo prozio Anselmo, e giunge così alla libreria del Borgo a Firenze, piccolo gioiello incastonato tra le meraviglie dell’arte e dell’architettura toscana. La conoscenza di Emma e sua figlia Nicoletta sancisce la nascita di un rapporto di stima e affetto reciproco, e sarà l’inizio di un nuovo capitolo nella vita di Margherita, reduce da una relazione finita male e consapevole di avere un nuovo progetto in cui investire tempo ed energie. Ciò che la giovane aspirante libraia non ha previsto è l’incontro con uno scrittore enigmatico e dal passato tormentato, Fulvio Orsini, che in poco tempo diventa il centro dei suoi pensieri nonostante la recente scottatura e la paura a lasciarsi andare alle emozioni.
Una storia tormentata e ricca di colpi di scena è quella che Cinzia Giorgio ha confezionato per i suoi lettori, una storia fatta di sentimenti e di paure, di traguardi e di partenze, di treni e occasioni da cogliere al volo.
Margherita è un personaggio dalle mille sfaccettature, è spesso insicura e dubbiosa, ma al tempo stesso sa essere un punto di riferimento per chi la circonda, che siano essi clienti in cerca del libro giusto, oppure amiche bisognose di cure e attenzioni. Fulvio, invece, è un personaggio che svela le sue carte poco alla volta, si concede a piccole dosi finché non decide di mettersi a nudo e di parlare dei suoi demoni. Entrambi sono accomunati però dal sentimento che li lega, sbocciato improvvisamente e cresciuto nonostante il tempo e la distanza. A fare da contorno alla storia di Margherita e Fulvio troviamo personaggi non stereotipati, bensì autentici e in grado di fornire un aiuto concreto all’uno o all’altro, sempre pronti a intervenire con saggi consigli o giuste critiche. A rendere le atmosfere ancora più magiche ci pensa Cinzia Giorgio con la sua prosa armoniosa e dolce, con i suoi continui riferimenti letterari e artistici, con l’emozione e l’importanza dei piccoli gesti che pervadono ogni frase del suo romanzo. Chi ha avuto già modo di apprezzare quest’ autrice ritroverà qui i tratti caratteristici della sua narrazione, resi ancora più potenti da personaggi variegati e da città magiche come Venezia, Firenze e Parigi.
Una menzione speciale merita inoltre il prontuario per le cosiddette “malattie dell’anima” che si trova alla fine del libro, dove Margherita, esperta del settore, consiglia ai suoi lettori dei romanzi speciali adatti a varie situazioni che, prima o poi, tutti potremmo ritrovarci a vivere.
Un romanzo che unisce dunque l’utile al dilettevole, dolce come una tazza di cioccolata con la panna e capace di coccolare e scaldare anche il più duro dei cuori. Cinzia Giorgio si conferma come una delle voci più interessanti del panorama editoriale italiano, semplice e diretta sa come conquistare il suo pubblico e come portare a casa un successo dietro l’altro. Romanzo consigliato a chi è alla ricerca di una storia dove cultura e passione si intrecciano tra le strade delle città più magiche d’Italia (e non).

Voto finale: 4/5 stelline.
Alla prossima,
Simona

Annunci

[Recensione] La bambina della luna e delle stelle – Kelly Barnhill

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi si conclude il blogtour dedicato a La bambina della luna e delle stelle, dolcissimo middle-grade di Kelly Barnhill pubblicato dalla DeAgostini. In questa tappa conclusiva troverete la recensione su tutti i blog che, insieme a me, hanno partecipato all’evento. Vi invito dunque a passare anche dalle mie colleghe per scoprire il loro pensiero riguardo questo romanzo.

La bambina della luna

Ogni anno, all’alba del Giorno del Sacrificio, gli Anziani del Protettorato abbandonano un neonato ai margini della città. È un’offerta di pace per la strega che si nasconde nella foresta. Quello che gli Anziani non sanno, però, è che Xan, la strega, è buona. Così buona da dividere la sua casa con il vecchio Mostro dello Stagno e un dispettoso Drago Perfettamente Piccolo. Così buona da prendersi cura, anno dopo anno, dei piccoli abbandonati. Li raccoglie, li protegge, li nutre con la luce delle stelle e li accompagna dall’altra parte della foresta per affidarli a genitori amorevoli. Ma tutto cambia la notte in cui Xan commette un terribile errore: invece della luce delle stelle, fa bere alla bambina che ha appena salvato la luce della luna, regalandole così meravigliosi poteri magici. Incapace di separarsi da quella piccina con gli occhi neri come lo spazio infinito e la pelle luminosa come ambra, la strega decide di allevarla come una figlia e la chiama Luna. Luna cresce felice in riva allo Stagno, circondata dall’amore di Xan, dall’amicizia del Drago e dalle poesie del saggio Mostro, ma ignara degli straordinari poteri ricevuti in dono. Fino al giorno del suo tredicesimo compleanno, quando la magia si sprigiona in tutta la sua forza… Luna sarà in grado di gestirla? E riuscirà a smascherare la vera strega cattiva, decisa a prosciugare il mondo di ogni felicità? Tra vulcani che si risvegliano, corvi parlanti e donne con il cuore di tigre, un’incantevole avventura fantasy.


La bambina della luna e delle stelle è un romanzo che celebra l’importanza di valori quali il coraggio e l’onestà, è una fiaba moderna e poetica che scalda il cuore e lo riempie di poesia e di emozioni. De Agostini si dimostra ancora una volta una casa editrice attenta alle esigenze dei suoi lettori e questo middle-grade ne è la prova, perché entra a pieno diritto nella lista dei romanzi del genere più godibili e ben scritti pubblicati in questo 2017. La vicenda si svolge nel Protettorato, una tetra e oscura città dove ogni anno un bambino a scelta degli Anziani viene strappato dalle braccia della sua famiglia e sacrificato alla Strega del bosco, di cui altrimenti l’intera cittadina subirebbe l’ira e la vendetta. Quello che gli onesti abitanti del Protettorato non sanno, però, è che la Strega che popola l’oscuro bosco lì accanto non è malvagia, anzi, salva i bambini che trova ogni anno nello stesso punto della vegetazione e dona loro una nuova famiglia, nelle città libere al di fuori dell’oscuro mondo in cui sono nati. Quando la Strega trova la piccola protagonista nel bosco ne rimane affascinata a tal punto da prenderla con sé e decide di chiamarla Luna. La bambina crescerà in un ambiente totalmente diverso da quello in cui è nata e avrà dei poteri magici che dovrà imparare a gestire e controllare per non rovinare la sua vita e quella delle persone che la circondano.
Il romanzo della Barnhill spicca per qualità come le ambientazioni fiabesche, la presenza della magia, la lotta del Bene contro il Male, la tenacia della giovane protagonista nel prendere il controllo della sua vita e di riuscire a gestire un potere acquisito per caso grazie alla Strega, la vecchia Xan. Lo stile dell’autrice è poetico, melodioso e fiabesco, totalmente in linea con il background costruito intorno ai protagonisti e al nucleo narrativo principale. Le avventure di Luna si leggono tutte d’un fiato, la storia scorre liscia come l’olio e arriverete alla fine senza nemmeno accorgervene. Questo è uno di quei casi in cui vi farà piacere tornare bambini, dove i contorni di ciò che è reale sconfinano in quello che è fantastico e si sogna ad occhi aperti. Consigliato dunque a grandi e piccini, perfetto per la stagione fredda, da leggere sotto le coperte in compagnia di una tazza di tè caldo. Il mio voto è di 4/5 stelline.
Alla prossima,
Simona

[Blogtour] La bambina della luna e delle stelle – Kelly Barnhill

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Sono lieta di ospitare una tappa del blogtour dedicato a La bambina della luna e delle stelle, bellissimo middle-grade pubblicato da De Agostini. Volete conoscere i 5 motivi validi per cui leggere questo libro?? Continuate a leggere per scoprirli!

La bambina della lunaLa bambina della luna e delle stelle – Kelly Barnhill
De Agostini, 406 pagine
Collana: Young Adult
Traduzione di: A. Fortunato
Copertina rigida, € 14.90

Ogni anno, all’alba del Giorno del Sacrificio, gli Anziani del Protettorato abbandonano un neonato ai margini della città. È un’offerta di pace per la strega che si nasconde nella foresta. Quello che gli Anziani non sanno, però, è che Xan, la strega, è buona. Così buona da dividere la sua casa con il vecchio Mostro dello Stagno e un dispettoso Drago Perfettamente Piccolo. Così buona da prendersi cura, anno dopo anno, dei piccoli abbandonati. Li raccoglie, li protegge, li nutre con la luce delle stelle e li accompagna dall’altra parte della foresta per affidarli a genitori amorevoli. Ma tutto cambia la notte in cui Xan commette un terribile errore: invece della luce delle stelle, fa bere alla bambina che ha appena salvato la luce della luna, regalandole così meravigliosi poteri magici. Incapace di separarsi da quella piccina con gli occhi neri come lo spazio infinito e la pelle luminosa come ambra, la strega decide di allevarla come una figlia e la chiama Luna. Luna cresce felice in riva allo Stagno, circondata dall’amore di Xan, dall’amicizia del Drago e dalle poesie del saggio Mostro, ma ignara degli straordinari poteri ricevuti in dono. Fino al giorno del suo tredicesimo compleanno, quando la magia si sprigiona in tutta la sua forza… Luna sarà in grado di gestirla? E riuscirà a smascherare la vera strega cattiva, decisa a prosciugare il mondo di ogni felicità? 


1. VI FARA’ TORNARE BAMBINI

Risultati immagini per child gif

2. E’ RICCO DI MAGIA

Risultati immagini per magic gif

3. E’ PORTATORE DI VALORI E DI BEI MESSAGGI

Risultati immagini per letters gif

4. E’ COINVOLGENTE, ACCATTIVANTE E BEN SCRITTO

Risultati immagini per writing gif

5. VI FARA’ EMOZIONARE

Risultati immagini per love gif

Che dirvi di più?? A me è piaciuto molto e troverete la recensione completa sul blog Lunedì!! Alla prossima,
Simona

Di seguito vi lascio il calendario con le altre tappe del tour da seguire:

Banner date La bambina della luna e delle stelle.png

 

[Recensione] La ladra di neve – Danielle Paige

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi, come tappa conclusiva del blogtour iniziato la scorsa settimana, vi propongo insieme alle altre colleghe blogger la recensione a La ladra di neve di Danielle Paige, pubblicato recentemente dalla casa editrice De Agostini.

La ladra di neve

VOTO: 3/5 

Un libro partito con buone premesse, disattese purtroppo nel corso della lettura. Esordisco così nella recensione al libro di Danielle Paige, disponibile da pochissimi giorni in libreria e nei migliori store online per la collana young adult della De Agostini, una delle case editrici italiane più prolifiche in questo campo. Tanti gli elementi di forza, altrettanti quelli di debolezza. Una storia pensata sicuramente per un pubblico più giovane, ricca di elementi magici e fantastici e di personaggi in continua lotta con se stessi e con il proprio passato. Purtroppo le buone premesse non bastano se non sono supportate da uno stile narrativo altrettanto convincente e questo, ahimè, è ciò che accade in questo romanzo. Ho trovato la prosa di Danielle Paige poco accattivante, in una tendenza sempre più discendente man mano che procedevo con la lettura. Solitamente dovrebbe essere il contrario, non trovate? In questo caso, invece, inizialmente la storia mi ha colpita e ha catturato la mia attenzione, per poi portarla a scemare sempre di più man mano che sfogliavo le pagine (virtuali) del mio e-reader. Molti i passaggi poco convincenti, le descrizioni affrettate e approssimative, i personaggi spesso contraddittori. Non sono riuscita ad appassionarmi alle vicende di Snow, seppur ammantate da un velo di ghiaccio che, ovviamente, nelle storie di questo tipo contribuisce a rendere le atmosfere ancora più suggestive. Qualcosa di buono, però, questo libro ce l’ha e non è giusto che mi soffermi solo sugli aspetti che non mi hanno convinta. Sicuramente ci troviamo di fronte ad una lettura più conforme per un ragazzo o una ragazza in fase adolescenziale, e perché no anche preadolescenziale. L’elemento fiabesco permea l’intera narrazione, le ambientazioni sono suggestive e spesso d’impatto, Snow si fa apprezzare nei suoi pregi e nei suoi difetti e mostrerà di possedere coraggio a dispetto della sua giovane età. Complessivamente La ladra di neve è un romanzo godibile, dal quale però non dovrete aspettarvi niente di più, quindi vi sconsiglio di approcciarvi alla lettura con alte aspettative, perché potreste rimanerne delusi. Per tutto ciò il mio voto finale è di 3/5 stelline.

Alla prossima,
Simona

Non perdetevi le altre recensioni, disponibili nei seguenti blog:

banner date la ladra di neve

 

[Recensione] Rosa senza spine – Mariella Ottino, Silvio Conte

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi torniamo tutti bambini insieme a Rosa, suo fratello Guglielmone, il cane Argo e il folletto Puck!! Curiosi di scoprire di cosa sto parlando? Continuate a leggere 🙂

Rosa-senza-spine-minRosa senza spine – Mariella Ottino, Silvio Conte
Albe Edizioni, 160 pagine
Illustrazioni di: Eleonora de Pieri
Copertina flessibile, € 11.90
Età: 8+

In una cittadina del Nord Italia, Rosa Masaniello deve affrontare quello che per lei è un grande mistero: perché non a tutti piace studiare? E soprattutto: perché c’è chi impara e chi no?
Con l’aiuto di uno strano folletto (forse reale, forse vivo solo nella sua mente), Rosa lotta con le armi dell’intelligenza e della fantasia contro l’insensibilità e la superficialità, circondata da una famiglia affettuosa ma scombinata, compagni che le rendono la vita difficile e adulti irrigiditi nella loro tristezza.


Non conosco tesori in verità,
né perle né gemme in gran quantità
Che valgan più di un grammo di bontà

Tenero, divertente e altamente formativo. Questi gli aggettivi principali per descrivere il romanzo per ragazzi messo su dalla coppia Ottino/Conte, insegnanti di scuola media costantemente a contatto con i bambini e gli adolescenti. Questa loro esperienza nel campo dell’istruzione è ben visibile tra le pagine di Rosa senza spine, una storia che parla dritta al cuore attraverso una protagonista speciale, la piccola Rosa Masanello, amante della cultura, della novità e, più semplicemente, della vita.
Rosa è una bambina diversa da tutti gli altri, ama tuffarsi tra le pagine di un libro, viaggiare con la fantasia, colorare le pagine bianche della sua vita con immagini, suoni e sensazioni di tutto ciò che la circonda. Tutti, in famiglia, si domandano da chi la piccola possa aver ereditato questi tratti così docili e buoni – domanda più che legittima, data la pregressa esperienza scolastica del maggiore dei fratelli Masanello, Guglielmone, dalla stazza imponente e dal cuore altrettanto smisurato. Rosa, agli antipodi rispetto al suo adorato protettore, è assetata di cultura e di novità e, inoltre, ha un cuore buono e generoso, a tal punto da perdonare ogni sgarbo ricevuto da Gianmaria e dalla sua cricca di amici pestiferi. A scuola, infatti, la situazione non è delle migliori: la nostra protagonista è costantemente bersaglio del fuoco nemico e, come se non bastasse, nel mirino degli scanzonati maschietti è entrata anche la nuova, dolce insegnante, la maestra Flora. Come può Rosa risolvere i problemi di chi le sta attorno? Fortuna che in suo aiuto giungerà un folletto enigmatico e capace di fare magie, tale Puck vestito di verde e immerso in una radura dai connotati onirici. Rosa capirà il valore custodito in un cuore buono capace di perdonare, rifletterà sull’importanza di saper amare e di riuscire a capire il mondo che la circonda. Ancora una volta dimostrerà il suo coraggio e il suo altruismo e, nonostante i dubbi che la attanagliano, sceglierà la strada giusta da percorrere.
Rosa senza spine è un romanzo di formazione che invita alla riflessione sui valori e sulla necessità di portare amore e serenità nelle vite altrui. Gli autori portano questi bei messaggi servendosi di una prosa scattante e spesso ironica, talvolta pungente e, ancora, dolce – proprio come la vita, in fin dei conti. A supportare le vicende di Rosa e del suo cagnolino Argo arrivano le magnifiche illustrazioni di Eleonora de Pieri, che rendono il romanzo ancora più godibile e apprezzabile. In fondo anche l’occhio vuole la sua parte e qui, lasciatemelo dire, è impossibile non rimanere affascinati dallo stile dell’illustratrice padovana. Consigliato per grandi e piccini, il mio voto è di 4/5 stelline.
Alla prossima,
Simona