[Recensione] Noi, i salvati – Georgia Hunter

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi parliamo di quello che considero, a tutti gli effetti e senza ombra di dubbio, il libro dell’anno. E’un’affermazione importante e ne sono consapevole, tuttavia sono sicura che non mi ricapiterà presto di leggere un romanzo altrettanto potente ed indimenticabile quanto Noi, i salvati di Georgia Hunter, pubblicato la scorsa settimana dalla casa editrice Nord.

Noi, i salvatiNoi, i salvati – Georgia Hunter
Editrice Nord, 452 pagine
Collana: Narrativa
Genere: Narrativa straniera
Traduzione di: Alessandro Storti
Copertina rigida, € 18.60
In vendita da: Settembre 2017

Per quanto tempo si può continuare a fare progetti per il futuro, se la guerra incombe? I fratelli Kurc hanno cercato di resistere fino all’ultimo: Addy aggrappandosi alla musica, Mila occupandosi della figlia appena nata, Genek concentrandosi sul lavoro, Jakob rifugiandosi nei sogni e Halina nascondendo la paura dietro la ribellione. Tuttavia, nel settembre del 1939, devono arrendersi all’evidenza: la Polonia non è più sicura per una famiglia di ebrei. Così, per sfuggire al nazismo, sono costretti a dividersi: chi prova a imbarcarsi per il Brasile, chi scappa in Russia, chi si nasconde in piena vista con una falsa identità ariana. Armati solo del proprio coraggio e della forza della disperazione, i fratelli Kurc dovranno adattarsi a questa nuova esistenza di clandestini, affrontando la fame e il freddo, la solitudine e le persecuzioni, senza sapere se il prossimo passo li farà cadere tra le mani del nemico o li porterà più vicini a un porto sicuro. E sarà proprio grazie alla loro determinazione che, alla fine della guerra, si ritroveranno intorno a un tavolo e brinderanno a loro, i salvati…


L’emozionante odissea di una famiglia divisa dalla guerra e unita dalla speranza

Da dove iniziare a parlare di un libro così meraviglioso?
Credetemi, non è affatto facile trovare le parole adeguate per rendere giustizia a questo piccolo, grande capolavoro della letteratura contemporanea, ma la voglia di condividere con voi le mie impressioni post lettura è così forte che ho deciso di provarci lo stesso.
Noi, i salvati è un romanzo che ripercorre le orme della famiglia della scrittrice, Georgia Hunter, americana di nascita, ma di origini polacche. Durante una riunione familiare l’autrice ha per caso scoperto che suo nonno Eddy e i suoi fratelli sono sopravvissuti miracolosamente all’Olocausto e ha deciso di mettere per iscritto la loro storia, fatta di dolore, ma soprattutto di speranza. Noi, i salvati si apre con un albero genealogico in cui vengono introdotti i membri della famiglia Kurc: Sol e Nechuma, i capostipiti; Mila, con suo marito Selim e la loro bambina di appena un anno, Felicia; Halina e il suo compagno, Adam; Genek e sua moglie, Herta; Jakob e Bella, fidanzati dai tempi delle scuole medie; e infine Addy, che vive in Francia già da qualche anno.

hunter1.pngSiamo agli albori del 1939, l’anno in cui i meccanismi che porteranno allo sterminio di milioni di ebrei iniziano, lentamente, a muoversi. La famiglia Kurc vive da sempre a Radom, cittadina polacca in cui ebrei e cristiani convivono pacificamente. Ancora non sanno quanto l’avvento del nazismo cambierà per sempre le loro vite. Con l’invasione della Polonia da parte di Hitler inizia il vero e proprio inferno: viene istituito il ghetto, gli ebrei vengono privati poco alla volta dei loro beni mobili e immobili, molti perdono il proprio impiego, altri ancora iniziano ad essere picchiati per strada senza un’apparente ragione. L’antisemitismo inizia a diffondersi a macchia d’olio e, come prevedibile, la vita in Polonia diventa insostenibile. La famiglia Kurc viene divisa dagli eventi e dal volere del destino: Addy, che già si trovava a Parigi, non riesce a tornare a casa ed è quindi costretto a rimanere in territorio francese, per poi spostarsi nel corso degli anni in Sud America; Sol e Nechuma, insieme a Mila e alla loro nipotina, rimangono nel ghetto; Genek viene dapprima mandato al fronte insieme al fratello Jakob, ma successivamente viene spedito nei gulag in Kazakistan insieme alla moglie, Herta; Jakob e Bella vivono per qualche tempo nella Polonia sovietica, ma saranno in seguito costretti a spostarsi di continuo come due fuggiaschi; Halina, la coraggiosa e intrepida della famiglia, si muoverà da un capo all’altro della Polonia, cercando di proteggere se stessa e i suoi familiari con ogni mezzo e ogni scorciatoia, mentre il suo compagno Adam diventerà una delle voci più potenti della Resistenza.
Tra un capitolo e l’altro ci muoviamo sulla scacchiera europea – e non solo – e seguiamo le tristi vicende a cui la famiglia Kurc (e, insieme a loro, milioni di altre persone) viene sottoposta. Rastrellamenti, deportazioni, privazione della dignità e dei mezzi di sostentamento. Attraverso gli occhi di questa famiglia divisa e lacerata nel profondo dell’anima riviviamo gli orrori più eclatanti accaduti nella seconda metà del secolo scorso, perché dimenticare è impossibile e non ricordare sarebbe troppo grave per qualsiasi essere umano. Di romanzi riguardanti questo terribile periodo della storia ce ne sono migliaia, ma Noi, i salvati ha qualcosa in più che lo rende unico ed ineguagliabile. Tutto, a livello narrativo, funziona: i capitoli alternati, che ci trasportano da una parte all’altra dell’Europa – dalla taiga al freddo polare russo, dalla Palestina all’Italia, dalla Polonia alla Francia; le ambientazioni realistiche e le descrizioni spesso asciutte e crude, rese ancora più d’impatto dalla consapevolezza che quanto narrato è accaduto veramente; dei personaggi che di inventato non hanno nulla e che sono esistiti in carne ed ossa; le emozioni forti e devastanti che, inevitabilmente, colpiscono dritte al cuore e accompagnano il lettore per tutta la durata della storia. Sono questi elementi a rendere perfetta la testimonianza che Georgia Hunter ha deciso di mettere su carta e di donare al pubblico, a rendere Noi, i salvati uno di quei libri per la vita, da riporre con cura sullo scaffale e da accarezzare nei momenti di malinconia e tristezza. Non vi nego che mentre leggevo questo romanzo mi sono commossa in più di un’occasione, e non mi capita di frequente di piangere per un libro. In questo caso non ho potuto farne a meno, perché oramai ero lì, in mezzo ai Kurc, e non potevo fare nulla per uscirne. Noi, i salvati è un libro indimenticabile, struggente e doloroso, spesso non semplice da affrontare, a volte crudo e spietato, altre ancora dolce come solo la carezza di una madre sa essere.
Nel momento in cui i Kurc si ritrovano è impossibile contenere l’emozione, arriverete alla fine del libro provati, ma il vostro cuore troverà il modo di palpitare ancora e di brindare inseme a loro, i salvati, i pochi fortunati ad aver avuto una seconda occasione dalla vita. Non fatevi spaventare dalla mole di pagine, vi assicuro che si tratta di un libro che si divora in un paio di giorni e dal quale non vorreste staccarvi mai. Georgia Hunter è stata magistrale nel descrivere stati d’animo, fatti storici e, soprattutto,a riportare su carta le testimonianze di chi, quegli orrori, li ha provati sulla propria pelle. Non so se sono riuscita a convincervi, spero tanto di sì, ma qualora non fosse chiaro ve lo ribadisco: Leggete Noi, i salvati. Leggetelo e perdetevi tra le sue pagine, lasciatevi trasportare dagli eventi e dalla penna magnifica dell’autrice, emozionatevi (perché le emozioni fanno bene al cuore) senza paura. Il mio voto finale non può che essere di 5/5 stelline, se potessi dare anche di più. Alla prossima,
Simona

Annunci