[Segnalazione] E se fosse destino – B.Graneris

Buonasera a tutti, lettrici e lettori!
Oggi vi parlo di un libro pubblicato come self dalla giovane autrice Barbara Graneris.
Ho deciso di riprendere le segnalazioni qui sul blog, ma proporrò solamente i titoli che realmente mi incuriosiscono e che rientrano nei generi trattati. ” E se fosse destino” è uno di questi e ve ne parlo con estremo piacere!

E se fosse destino – Barbara Graneris

Cop.Uff.jpg.jpg

Titolo: E se fosse destino
Autore: Barbara Graneris
Editore: Self
Genere: Romance
Formato: ebook
Pagine: 219
Uscita: 14 febbraio
Disponibile su: Amazon, Kobo, Google Play e iBooks (€ 1,99)

Link per l’acquisto: Amazon

ghirigiri

Trama

Cop.Uff.jpg

Greta fa la commessa nel negozio della sua migliore amica ed ha un’irrefrenabile passione per i dolci. Seria e responsabile, ha deciso di mettere da parte se stessa per occuparsi della sua famiglia.
Davide è una giovane promessa del calcio. Forte e determinato, sa che il pallone è il suo grande amore e che è ad un solo passo dal realizzare il sogno della sua vita.
Ma cosa succede quando il destino decide di farli scontrare?
Greta dovrà combattere prima di tutto contro se stessa per riuscire a lasciarsi andare tra le braccia del bel calciatore. E quando finalmente capiscono di non poter fare a meno l’uno dell’altra, la vita è pronta a metterli in difficoltà. Sogni e amore non sempre possono coesistere.
Riusciranno a superare gli ostacoli o saranno costretti a dirsi addio?
Perché quando è il destino a decidere per te, non ti lascia scelta. Devi assecondarlo.
ghirigiri

Un breve estratto dal libro:

 

[…] Osservo i suoi occhi azzurri che scintillano al bagliore della luna, e tutto ciò che riesco a pensare è che vorrei baciarla. Si appoggia al muro vicino alla portafinestra e inspira a fondo l’aria fredda, poi solleva la testa e si mette a fissare il cielo colmo di stelle.
«Mi piace il cielo» mi rivela. «È immenso e infinito. Ma allo stesso tempo confortevole perché è sempre lì. Non ti abbandona mai.»
Sollevo anche io la testa e mi metto a contemplare il cielo insieme a lei. Restiamo così per un paio di minuti in perfetto silenzio, interrotto solo dal rumore di qualche macchina che passa in fondo al vialetto.
«Grazie della bella serata, Davide. Ha significato tanto per me.»
Mi volto a guardarla e mi accorgo che non ha nulla da invidiare alla bellezza delle stelle.
«È stato un piacere.» le rispondo mentre mi avvicino per sistemarle di nuovo una ciocca di capelli dietro l’orecchio.
Sto provando in tutti i modi a resistere perché so che è sbagliato, ma la voglia di toccarla, di assaggiarla e di averla tutta per me è troppa. Così, senza neanche rendermi bene conto di quello che sto facendo, le afferro il viso tra le mani e avvicino le mie labbra alle sue. La sento che abbandona tutto il suo peso contro il muro mentre il ritmo dei nostri respiri accelera. Sono quasi sicuro che mi stia per scoppiare il cuore mentre il desiderio divampa dai nostri corpi e ci avvolge assieme al cielo stellato.
Le nostra labbra si sfiorano appena, senza toccarsi realmente, e questo basta per farmi pulsare il sangue nelle vene. Sto per baciarla, baciarla davvero, quando la sento emettere un sospiro strozzato. Mi poggia una mano sul petto e abbassa lo sguardo. «I-io non posso…» farfuglia sulla mia bocca, e so che ha ragione. Sono stato uno sciocco perché ho oltrepassato il confine, e non deve più capitare. Ma mi piacerebbe che lei si lasciasse andare e non fosse così rigida. Sposto le mie labbra sulla sua fronte, dove le do un bacio leggero.
«Buon compleanno, Greta» le sussurro prima di staccarmi da lei. Poi le sorrido, mi volto e mi dirigo verso la macchina. […]
ghirigiri

Booktrailer

 

Alla prossima,
Simona ❤

[Recensione] Lacrime in collisione-Benedetta Cipriano

Buonasera a tutti, amici lettori!
Oggi sono qui per parlarvi di un libro uscito da poco su Amazon che ho avuto la fortuna di leggere in anteprima grazie all’autrice, Benedetta Cipriano. Sto parlando di “Lacrime in collisione”, romanzo d’esordio di questa ragazza dolcissima che ha saputo mettere la sua anima all’interno dei suoi personaggi. Dopo le generalità scopriamo più da vicino NateHope.

Lacrime-in-collisione-cover.jpg

Titolo: Lacrime in collisione
Autore: Benedetta Cipriano
Editore: Self Publishing
Data di uscita: 11 Gennaio 2016
Costo: 0.99 Euro
Trama: Hope combatte ogni giorno contro uno stranissimo disturbo ossessivo-compulsivo, nel tentativo di mettere a tacere il dolore causato dalle delusioni passate.
Nate è un ex marine, ora istruttore di krav maga, con un ricordo ingombrante che logora la sua anima di giorno in giorno. Eppure quando si incrociano per la prima volta, all’interno di un supermercato deserto, non possono più tornare indietro: Hope, in preda a un attacco di panico, viene soccorsa da un Nate apparso dal nulla. Da allora, occhi negli occhi, non riescono più a fare a meno l’uno dell’altro. Possono due anime perdute ricominciare a lottare insieme? Forse, anche quando tutto sembra perduto, c’è sempre speranza e possibilità di scelta?

La mia opinione

Era da tempo che non leggevo un romanzo così ricco di poesia e sentimento, e per fortuna è arrivata Benedetta Cipriano a colmare questo vuoto letterario. “Lacrime in collisione” è un libro delicato, fragile come il vetro, ma al tempo stesso è un libro che vuole infondere forza e coraggio, che vuole instillare nel lettore il profondo miracolo della rinascita. Tutti nella vita, chi più chi meno, abbiamo passato dei momenti di buio, e lo stesso accade a Hope e Nate, due anime svuotate dalla felicità e dall’amore, rimaste vuote all’interno dell’involucro che le racchiude. Hope è un tesoro, mentre leggevo la sua storia sarei voluta entrare nelle pagine del libro per abbracciarla; In lei ho riscontrato molti punti di rottura… ma si sa: è dalle crepe che entra la luce. E così accade nella sua vita disastrata, quando casualmente i suoi occhi entrano in collisione con quelli di Nate. Da quel momento in poi tutto cambia, uno diventerà l’ancora di salvezza dell’altro, dapprima inconsapevolmente e poi, pagina dopo pagina, entrambi inizieranno a rinascere dalle proprie ceneri come due fenici, più forti e belli di prima.
Ho letto questo libro poco per volta, me lo sono voluta gustare e assaporare fino all’ultima parola. Nelle pagine scritte da Benedetta Cipriano sono riuscita a respirare la magia, quel tipo di magia che riesce ad esistere solamente all’interno di un buon libro, e che ti trascina in una realtà parallela scollegandoti da quello che ti circonda. Le descrizioni, i dialoghi, gli sguardi… niente di questo libro è banale e scontato, niente è lasciato al caso e l’autrice analizza ogni più piccola emozione, cogliendo sapientemente l’essenza dell’anima umana. Perché in fondo, alla base di tutto, ci sono proprio loro… le emozioni. Ci guidano, ci fanno prendere una strada piuttosto che un’altra, ci elevano fino in cielo o, al contrario, ci fanno sprofondare nell’abisso. In questo libro sono descritte tutte queste emozioni e, la cosa più bella, è che riuscirete a provarle tutte come se a vivere la vita di Nate e Hope foste voi.

Come esordio direi che l’autrice ha fatto pienamente centro, ha creato una storia convincente e priva di banalità e proprio per questo il mio voto è di 4/5 stelline. Spero che deciderete di dare un’opportunità alla storia di Benedetta, che oltre ad essere una scrittrice molto valida è anche una persona squisita, capace di far emozionare chi la legge ( o chi la ascolta – CANALE YOU TUBE: PHILOSOPHIA2014) solo con poche parole.

Alla prossima recensione,
Simona

[ Recensione ] Le spose della Notte – Anonima Strega

Buongiorno a tutti cari lettori e ben ritrovati!

Con la recensione di oggi ci immergiamo in un mondo popolato da esseri sovrannaturali: maghi, streghe e lupi mannari sono i protagonisti indiscussi dell’ultimo libro di Anonima Strega! Se state cercando una lettura adatta per il periodo di Halloween direi che Le spose della Notte fa sicuramente al caso vostro 😉

Le spose della notte

Costo: 0.99 Euro
Pagine: 214
Trama: I potenti maghi che stanno cercando di sedurti possono dire il falso o il vero. Solo tu puoi scoprire chi ha ucciso le tue compagne di congrega.
Notte di Halloween. Dunia sta festeggiando in un locale con le compagne della Congrega, quando una consorella viene misteriosamente uccisa. L’amico Sabisto, appartenete al credo esoterico della Loggia, protegge le streghe con un rito di magia sessuale, e le aiuta a indagare non solo sulla morte della consorella, ma anche su quella di tutti i compagni trucidati quella stessa notte. I loro cammini s’intrecciano con quelli di tre membri dell’oscura Cabala: il seducente Elias, l’ex confratello Ramòn e il mezzelfo Fulke. I maghi forniscono tre diverse versioni dei fatti. Secondo Elias è la Loggia che le sta manipolando per i suoi scopi; ma per Ramòn, che si dichiara doppiogiochista per proteggerle, la colpa è proprio di Elias, che ha in mente un progetto assolutista per portare avanti un unico credo. E poi c’è Fulke, che afferma di appartenere ai servizi segreti magici. Dunia potrà fidarsi di quest’uomo tanto arcano e bizzarro?

ghirigiri

La storia entra sin da subito nel vivo e ha inizio proprio durante i festeggiamenti di Halloween, quando una strega della Congrega viene misteriosamente trovata morta all’interno del camerino di un locale in seguito ad una esibizione. Subito gli animi iniziano a surriscaldarsi e piano piano la situazione ci viene sapientemente spiegata dall’autrice. La protagonista principale è Dunia una delle poche streghe rimaste in vita della Congrega insieme a Diamara Titania, la Grande Madre. Nel mondo ideato dalla penna di Anonima Strega si possono distinguere tre credi religiosi:
la Congrega, popolata da streghe molto vicine alla natura e fedeli al culto della Grande Madre;
la Loggia, popolata da maghi altamente legati ai rituali sessuali di protezione;
la Cabala, popolata da potenti e spietati maghi assetati di potere.
In questo libro non manca di certo l’azione, anzi! Pagina dopo pagina il lettore viene sempre più trascinato all’interno delle vicende delle protagoniste, che si ritroveranno in una situazione di perenne indecisione. Dopo l’aggressione ai loro compagni infatti le tre donne non sanno più di chi potersi fidare e iniziano a fare una serie di elucubrazioni mentali per poter dipanare il bandolo della matassa che le tiene rinchiuse da vari giorni all’interno del loro Quartier Generale.
Le figure maschili del romanzo sono in assoluto le più ambigue: dalla parte della Cabala troviamo Elias, potentissimo e subdolo mago dagli occhi color zaffiro; Ramon, figura non particolarmente rilevante ai fini della narrazione – se non per il fatto che in passato ha avuto una relazione con Titania; Fulke, l’elfo di Bosco Nevoso che fino alla fine rimane per il lettore un grande punto interrogativo.
Anche per quanto riguarda la Loggia la situazione non è particolarmente chiara; se all’inizio le tre streghe si fidavano di Sabisto, uno dei membri a loro più vicino, con il tempo e dopo una serie di ragionamenti, hanno iniziato a dubitare della sua totale sincerità; troviamo poi Oliver, Gran Maestro della Loggia che acquista maggiore importanza durante la seconda parte della narrazione; Wulfran, il lupo mannaro più sexy che io abbia mai incontrato all’interno di un libro e che si rivelerà prezioso per le nostre care protagoniste, in particolare per Dunia.
E’difficile spiegarvi bene a parole il complesso intreccio di avvenimenti che accadono durante la lettura dell’intero romanzo, posso solo dirvi che ne sono rimasta completamente coinvolta dall’inizio alla fine. I personaggi sono credibili, i misteri e i dubbi si fanno via via sempre più fitti, le consorelle saranno sempre più indecise riguardo le conclusioni da trarre. Di chi ci si può fidare? Chi sta mentendo?
Spesso nel libro le tre donne cercano di ricorrere all’aiuto degli spiriti elementali: La Silfide, la Salamandra, l‘Ondina e lo Gnomo però non sembrano aiutarle come vorrebbero, lasciando dietro di loro solamente una scia di enigmi che non servono di certo a facilitare la comprensione degli eventi.

Dopo essere entrate nel cerchio protettivo e aver declamato preghiera e invocazione, Dunia si accinse a conferire con l’Ondina. L’immagine sbocciò come un rilievo sulla superficie dell’acqua e si forgiò tersa, aumentando di dimensioni. I capelli grondavano come alghe e il collo di cigno riluceva e cangiava fra mille spruzzi.Un fruscio vitale si fece parola: «Benedetta sia la vostra vita che dai miei fluidi nasce.»Dunia tirò un sospiro di sollievo. Le Ondine erano sempre state i suoi spiriti preferiti, perché tergiversavano poco ed erano più gentili e rispettose degli altri. Proprio per quello Titania le lasciava sempre a lei, che non era molto abile a pazientare con gli altri.«Per salvare queste vite dobbiamo ricevere una protezione che va al di là delle nostre possibilità» confessò all’Ondina.«Qualcuno può aiutarvi, dategli ascolto.» E lo sciabordio della sua gola gorgogliò d’ansia. «Arriverà.»

“Le spose della notte”è un libro ricco di movimento, di suspense, di mistero. E’inoltre presente anche la componente sessuale, che non risulta eccessiva e che si mantiene sempre gradevole durante la lettura. Mi è piaciuto tantissimo lo stile dell’autrice, diretto ed immediato ma al tempo stesso elaborato e contorto, perché è riuscita a creare una situazione complessa e ingarbugliata che non stanca il lettore, ma che al contrario lo tiene sempre più legato alle pagine del libro con l’ansia di scoprire cosa succederà. Vi confesso che le ultime due notti non vedevo l’ora di mettermi comoda nel letto per riprendere la lettura del libro di Anonima Strega, che è riuscito definitivamente ad aggiudicarsi un posto nel mio cuore.

Il personaggio che più ho amato è Fulke, perché rimane enigmatico dall’inizio alla fine, sembra sincero ma a tratti non lo è, sembra innocuo – con i suoi occhi colore del miele, ma quanto spesso l’apparenza inganna? Dunia avrà davvero molto su cui riflettere, e il lettore diventerà parte di lei, dei suoi stati d’animo e dei suoi dubbi.

Due tronchi come una “V”, e Fulke in mezzo, aggrappato alle cortecce.Immerso nel suo ambiente naturale, appariva diverso, più evanescente, confuso con i colori e le linee del bosco. Indossava solo un paio di pantaloni color della terra, tuffati in scarponi di cuoio, e a torso nudo sfidava il gelo della stagione, come immerso in una bolla di calore arrivata forse dal nulla, o forse da Bosco Nevoso. Non c’era niente di sensuale in quella figura, eppure Dunia sentiva impellente il bisogno di avvicinarsi, di abbracciarlo e di fondersi a lui.Non poteva essere sorpreso di averla vista, non poteva essere stupore o curiosità l’aria disegnata sui suoi tratti, quasi che Dunia non dovesse dare per scontato che la stesse ormai seguendo da un pezzo. Doveva essere per l’ambiente, per l’atmosfera, per il fondale fiabesco contro il quale si stagliava, che il suo sguardo non appariva quello di sempre.

L’elemento di originalità de ” Le spose della notte” è proprio questo continuo girare intorno a qualcosa che non si comprende mai fino in fondo, perlomeno per buona parte della storia. Sul finale le cose verranno collocate ognuna al proprio posto e ad ogni interrogativo verrà data una risposta.

In conclusione la lettura di questo libro è consigliata a chi ha bisogno di leggere qualcosa di diverso, qualcosa di profondamente coinvolgente e in grado di togliervi il sonno – perché vi assicuro che mette davvero curiosità! 🙂

Il mio voto è di 8.5/10! Alla prossima recensione,

Simona 🙂

                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

[Segnalazione] Ho scelto te – K.Anelli

Serata di segnalazioni sul blog!
Altra interessante uscita – per la precisione domani – è ” Ho scelto te” di Katia Anelli, giovane scrittrice italiana 🙂

Il libro sarà disponibile da domani al costo di 1.49 euro in tutti i migliori store online.

Vi lascio il booktrailer del romanzo con la speranza di fare cosa gradita:

A presto,

Simona

 

 

[Segnalazione] Serendipità – L.C.Benedetti

 

Buonasera a tutti!
Come sapete da inizio mese ho iniziato a selezionare i romanzi da proporre sul blog, scegliendo solamente quelli più vicini al mio gusto e alle tematiche trattate in questo spazio.
Il libro che vi propongo stasera mi ha favorevolmente colpita per la sua copertina, per il suo originalissimo titolo e, ovviamente, per la sua trama/non trama. Non ci viene svelato troppo infatti riguardo i racconti che costituiscono ” Serendipità”, e questo accende ancora maggiormente la curiosità!

Trovate il libro su Amazon al costo di 1.33 Euro! 😀

Vi lascio una breve Biografia dell’autrice:

Non amo molto parlare di me, perciò dirò solo che sono piemontese e che ho due passioni predominanti: leggere e, naturalmente, scrivere. Ho iniziato a 14 anni quando mi hanno regalato il computer e non mi sono più fermata – si vede che il richiamo della tastiera è stato più forte di quello di carta e penna! A ottobre del 2012 ho iniziato l’esperienza del self-publishing, e gli ebook sono disponibili su Amazon, Kobo e Google Play/Google Books;  i miei lavori spaziano in generi diversi, ossia ciò che mi è venuto da scrivere in quel preciso momento. Rosa non erotici di gradazione più umoristica o più melodrammatica, chick lit, storie in costume… io mi sono lanciata in tante direzioni e saranno le lettrici e i lettori a giudicare! A gennaio 2014 è uscito, con la Genesis Publishing, il noir “Katriona”, la mia prima pubblicazione con una casa editrice. Dalla fine del 2013 collaboro con la rivista online “Eclettica”, una sorta di blog in pdf che, a scadenza irregolare, esce con vari articoli legati al mondo della letteratura, dell’arte, del cinema, etc: io curo la rubrica “Libri Vintage”.

E anche un estratto:

Tutto si confondeva e si dissolveva come il cielo opaco, e quest’impressione di oblio non lo turbava, anzi gli dava un senso di pace. Pensava a lei e gli sembrava che, al contrario delle altre, fosse ricolma di ogni qualità esteriore ed interiore e priva d’ogni difetto: era illogico, e tuttavia il sentimento che, ancor privo di nome, gli cresceva in cuore, non aveva bisogno di logica per essere spiegato.
Alzò la testa: in alcuni punti erano comparsi lembi d’azzurro e la luce, seppur pallida, illuminava bizzarramente il paese sottostante. D’un tratto, da qualche nuvola ancora compatta, ricominciò a venir giù una pioggerella capricciosa. Lui non aprì più l’ombrello: «Piove con il sole» disse soltanto, e sorrise di fronte a quell’avvenimento non tanto usuale. «Bisogna che io la riveda» aggiunse poi con maggior gravità, e s’incamminò a ritroso verso l’albergo.

Spero che la segnalazione vi sia piaciuta! Alla prossima! 🙂
Simona