[Intervista doppia] Conosciamo meglio Fabio Geda e Marco Magnone

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Tra i tanti impegni a cui devo badare in questo periodo davvero carico, sono riuscita con estremo piacere a ritagliarmi del tempo per intervistare due autori di cui sicuramente avrete sentito parlare: Fabio Geda e Marco Magnone, da poco tornati in libreria con il quinto capitolo di Berlin, saga per ragazzi di successo pubblicata da Mondadori.

Berlin.jpg

QUI potete trovare il sito dedicato alla serie, ricco di informazioni e curiosità. Vi consiglio di passare a darci un’occhiata se pensate che la saga possa interessarvi!

INTERVISTA

1. Benvenuti al Salotto dei Libri. Partiamo da una domanda personale: Cosa amate fare nel tempo libero? Quali sono le vostre passioni?

Siamo entrambi persone dalle mille passioni: la narrazione in generale, e quindi romanzi, fumetti, cinema, musica; lo sport sia seguito che praticato (diciamo più seguito che praticato); i viaggi e ogni occasione che troviamo per riempirci la testa e gli occhi di stimoli. Insomma, abbiamo mille piccole e grandi passioni che ci incendiano e forse il problema più grande è proprio tenerle a bada.

2. Come vi siete conosciuti? E, in particolare, come è nata la storia di Berlin? 

Ci siamo conosciuti a Torino nell’ambiente dell’editoria, e per essere precisi alla Instar Libri, l’editore presso cui Fabio ha iniziato a pubblicare i primi romanzi e dove Marco ha fatto uno stage. E poi, insomma, Torino non è certo Tokyo, e le persone che si muovono nello stesso settore finiscono per incrociarsi più e più volte. Abbiamo collaborato inizialmente alla sceneggiatura di un fumetto dedicato ad Alessandro Antonelli, l’architetto della Mole, uscito per La Stampa. E poi tra una birra e una cena, essendo entrambi appassionati di serialità tanto in letteratura quanto nel cinema o in televisione, abbiamo cominciato a fantasticare sull’idea di sperimentarci nella costruzione di una saga. Fabio aveva questa idea in testa che riguardava Berlino e gruppi di ragazzi che dovevano cavarsela in assenza degli adulti. Marco a Berlino aveva vissuto. Ed ecco fatto. Nitro e glicerina.

3. Ci sono stati degli autori, delle storie o, ancora, dei film che hanno ispirato la vostra produzione? 

Quando ci chiedono cos’è Berlin noi amiamo rispondere che nella nostra testa è il tentativo di mescolare Hunger Games con Il signore delle mosche e con I ragazzi della via Pal. Di prendere larchetipo del mondo senza adulti inaugurato da Golding, attraversare la letteratura per ragazzi europea prendendo spunto dal romanzo di Molnar e in questo modo cercare una via personale alla saga science fiction per ragazzi che gli americani sono bravissimi a comporre.

4. Quale dei personaggi della saga sentite più vicino a voi? E perché?

Entrambi sentiamo molto vicini i personaggi che cambiano, che mutano, che sono altro da quello che noi pensavamo fossero. E quindi Wolfrun e Timo sopra tutti. Ma in fondo ogni personaggio dimostrerà di essere più sfaccettato di quello che il lettore poteva immaginare all’inizio.

5. Raccontateci l’esperienza di scrivere a quattro mani. Come riuscite a dare omogeneità e continuità al testo? 

Intanto facciamo un grande lavoro di condivisione della storia, degli eventi, dell’arco drammaturgico. Parliamo, parliamo e ancora parliamo. Senza fine. Per due anni abbiamo lavorato esclusivamente all’impianto narrativo della vicenda. E ora non cominciamo a scrivere senza aver condiviso gli elementi fondamentali di ogni singolo libro. Detto questo, uno dei due si assume la responsabilità della prima stesura del libro, poi lo passa all’altro che ci interviene sopra aggiungendo, modificando, suggerendo; e via così, fino a quando non ci troviamo a licenziare una versione perfettamente condivisa del testo.

6. Seguite una scaletta prima di dedicarvi alla stesura dei vari capitoli, oppure vi lasciate trascinare dalle idee?

Avere un soggetto da seguire è fondamentale, soprattutto quando di sei libri da scrivere e tanti personaggi da far muovere, ma ovviamente ci lasciamo uno spazio di libertà, uno spazio di stupore, che ci permetta di meravigliarci nel momento stesso in cui stiamo scrivendo e se improvvisamente ci viene voglia di cambiare qualcosa, di aggiungere un evento non previsto, di modificare la traiettoria delle vicende, be’, ne parliamo e se siamo convinti lo facciamo.

7. Avete altri progetti in cantiere? ( Sia come coppia che come singoli)

Sì. Sia come coppia sia come singoli. E ovviamente sono segretissimi!

Ringrazio ancora i due autori per la loro disponibilità! Spero di avervi incuriositi 🙂
Alla prossima,
Simona

 

 

[Blogtour] La bambina della luna e delle stelle – Kelly Barnhill

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Sono lieta di ospitare una tappa del blogtour dedicato a La bambina della luna e delle stelle, bellissimo middle-grade pubblicato da De Agostini. Volete conoscere i 5 motivi validi per cui leggere questo libro?? Continuate a leggere per scoprirli!

La bambina della lunaLa bambina della luna e delle stelle – Kelly Barnhill
De Agostini, 406 pagine
Collana: Young Adult
Traduzione di: A. Fortunato
Copertina rigida, € 14.90

Ogni anno, all’alba del Giorno del Sacrificio, gli Anziani del Protettorato abbandonano un neonato ai margini della città. È un’offerta di pace per la strega che si nasconde nella foresta. Quello che gli Anziani non sanno, però, è che Xan, la strega, è buona. Così buona da dividere la sua casa con il vecchio Mostro dello Stagno e un dispettoso Drago Perfettamente Piccolo. Così buona da prendersi cura, anno dopo anno, dei piccoli abbandonati. Li raccoglie, li protegge, li nutre con la luce delle stelle e li accompagna dall’altra parte della foresta per affidarli a genitori amorevoli. Ma tutto cambia la notte in cui Xan commette un terribile errore: invece della luce delle stelle, fa bere alla bambina che ha appena salvato la luce della luna, regalandole così meravigliosi poteri magici. Incapace di separarsi da quella piccina con gli occhi neri come lo spazio infinito e la pelle luminosa come ambra, la strega decide di allevarla come una figlia e la chiama Luna. Luna cresce felice in riva allo Stagno, circondata dall’amore di Xan, dall’amicizia del Drago e dalle poesie del saggio Mostro, ma ignara degli straordinari poteri ricevuti in dono. Fino al giorno del suo tredicesimo compleanno, quando la magia si sprigiona in tutta la sua forza… Luna sarà in grado di gestirla? E riuscirà a smascherare la vera strega cattiva, decisa a prosciugare il mondo di ogni felicità? 


1. VI FARA’ TORNARE BAMBINI

Risultati immagini per child gif

2. E’ RICCO DI MAGIA

Risultati immagini per magic gif

3. E’ PORTATORE DI VALORI E DI BEI MESSAGGI

Risultati immagini per letters gif

4. E’ COINVOLGENTE, ACCATTIVANTE E BEN SCRITTO

Risultati immagini per writing gif

5. VI FARA’ EMOZIONARE

Risultati immagini per love gif

Che dirvi di più?? A me è piaciuto molto e troverete la recensione completa sul blog Lunedì!! Alla prossima,
Simona

Di seguito vi lascio il calendario con le altre tappe del tour da seguire:

Banner date La bambina della luna e delle stelle.png

 

[Recensione] La ladra di neve – Danielle Paige

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi, come tappa conclusiva del blogtour iniziato la scorsa settimana, vi propongo insieme alle altre colleghe blogger la recensione a La ladra di neve di Danielle Paige, pubblicato recentemente dalla casa editrice De Agostini.

La ladra di neve

VOTO: 3/5 

Un libro partito con buone premesse, disattese purtroppo nel corso della lettura. Esordisco così nella recensione al libro di Danielle Paige, disponibile da pochissimi giorni in libreria e nei migliori store online per la collana young adult della De Agostini, una delle case editrici italiane più prolifiche in questo campo. Tanti gli elementi di forza, altrettanti quelli di debolezza. Una storia pensata sicuramente per un pubblico più giovane, ricca di elementi magici e fantastici e di personaggi in continua lotta con se stessi e con il proprio passato. Purtroppo le buone premesse non bastano se non sono supportate da uno stile narrativo altrettanto convincente e questo, ahimè, è ciò che accade in questo romanzo. Ho trovato la prosa di Danielle Paige poco accattivante, in una tendenza sempre più discendente man mano che procedevo con la lettura. Solitamente dovrebbe essere il contrario, non trovate? In questo caso, invece, inizialmente la storia mi ha colpita e ha catturato la mia attenzione, per poi portarla a scemare sempre di più man mano che sfogliavo le pagine (virtuali) del mio e-reader. Molti i passaggi poco convincenti, le descrizioni affrettate e approssimative, i personaggi spesso contraddittori. Non sono riuscita ad appassionarmi alle vicende di Snow, seppur ammantate da un velo di ghiaccio che, ovviamente, nelle storie di questo tipo contribuisce a rendere le atmosfere ancora più suggestive. Qualcosa di buono, però, questo libro ce l’ha e non è giusto che mi soffermi solo sugli aspetti che non mi hanno convinta. Sicuramente ci troviamo di fronte ad una lettura più conforme per un ragazzo o una ragazza in fase adolescenziale, e perché no anche preadolescenziale. L’elemento fiabesco permea l’intera narrazione, le ambientazioni sono suggestive e spesso d’impatto, Snow si fa apprezzare nei suoi pregi e nei suoi difetti e mostrerà di possedere coraggio a dispetto della sua giovane età. Complessivamente La ladra di neve è un romanzo godibile, dal quale però non dovrete aspettarvi niente di più, quindi vi sconsiglio di approcciarvi alla lettura con alte aspettative, perché potreste rimanerne delusi. Per tutto ciò il mio voto finale è di 3/5 stelline.

Alla prossima,
Simona

Non perdetevi le altre recensioni, disponibili nei seguenti blog:

banner date la ladra di neve

 

[Recensione] Rosa senza spine – Mariella Ottino, Silvio Conte

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi torniamo tutti bambini insieme a Rosa, suo fratello Guglielmone, il cane Argo e il folletto Puck!! Curiosi di scoprire di cosa sto parlando? Continuate a leggere 🙂

Rosa-senza-spine-minRosa senza spine – Mariella Ottino, Silvio Conte
Albe Edizioni, 160 pagine
Illustrazioni di: Eleonora de Pieri
Copertina flessibile, € 11.90
Età: 8+

In una cittadina del Nord Italia, Rosa Masaniello deve affrontare quello che per lei è un grande mistero: perché non a tutti piace studiare? E soprattutto: perché c’è chi impara e chi no?
Con l’aiuto di uno strano folletto (forse reale, forse vivo solo nella sua mente), Rosa lotta con le armi dell’intelligenza e della fantasia contro l’insensibilità e la superficialità, circondata da una famiglia affettuosa ma scombinata, compagni che le rendono la vita difficile e adulti irrigiditi nella loro tristezza.


Non conosco tesori in verità,
né perle né gemme in gran quantità
Che valgan più di un grammo di bontà

Tenero, divertente e altamente formativo. Questi gli aggettivi principali per descrivere il romanzo per ragazzi messo su dalla coppia Ottino/Conte, insegnanti di scuola media costantemente a contatto con i bambini e gli adolescenti. Questa loro esperienza nel campo dell’istruzione è ben visibile tra le pagine di Rosa senza spine, una storia che parla dritta al cuore attraverso una protagonista speciale, la piccola Rosa Masanello, amante della cultura, della novità e, più semplicemente, della vita.
Rosa è una bambina diversa da tutti gli altri, ama tuffarsi tra le pagine di un libro, viaggiare con la fantasia, colorare le pagine bianche della sua vita con immagini, suoni e sensazioni di tutto ciò che la circonda. Tutti, in famiglia, si domandano da chi la piccola possa aver ereditato questi tratti così docili e buoni – domanda più che legittima, data la pregressa esperienza scolastica del maggiore dei fratelli Masanello, Guglielmone, dalla stazza imponente e dal cuore altrettanto smisurato. Rosa, agli antipodi rispetto al suo adorato protettore, è assetata di cultura e di novità e, inoltre, ha un cuore buono e generoso, a tal punto da perdonare ogni sgarbo ricevuto da Gianmaria e dalla sua cricca di amici pestiferi. A scuola, infatti, la situazione non è delle migliori: la nostra protagonista è costantemente bersaglio del fuoco nemico e, come se non bastasse, nel mirino degli scanzonati maschietti è entrata anche la nuova, dolce insegnante, la maestra Flora. Come può Rosa risolvere i problemi di chi le sta attorno? Fortuna che in suo aiuto giungerà un folletto enigmatico e capace di fare magie, tale Puck vestito di verde e immerso in una radura dai connotati onirici. Rosa capirà il valore custodito in un cuore buono capace di perdonare, rifletterà sull’importanza di saper amare e di riuscire a capire il mondo che la circonda. Ancora una volta dimostrerà il suo coraggio e il suo altruismo e, nonostante i dubbi che la attanagliano, sceglierà la strada giusta da percorrere.
Rosa senza spine è un romanzo di formazione che invita alla riflessione sui valori e sulla necessità di portare amore e serenità nelle vite altrui. Gli autori portano questi bei messaggi servendosi di una prosa scattante e spesso ironica, talvolta pungente e, ancora, dolce – proprio come la vita, in fin dei conti. A supportare le vicende di Rosa e del suo cagnolino Argo arrivano le magnifiche illustrazioni di Eleonora de Pieri, che rendono il romanzo ancora più godibile e apprezzabile. In fondo anche l’occhio vuole la sua parte e qui, lasciatemelo dire, è impossibile non rimanere affascinati dallo stile dell’illustratrice padovana. Consigliato per grandi e piccini, il mio voto è di 4/5 stelline.
Alla prossima,
Simona

[Blogtour] La ladra di neve – Danielle Paige

Buongiorno lettori e bentornati al Salotto dei Libri!
Oggi sono lieta di ospitare la terza tappa del blogtour dedicato a La ladra di neve di Danielle Paige, accattivante romanzo dalle tinte fiabesche pubblicato dalla De Agostini. In questo articolo scopriremo insieme alcune letture simili da accompagnare alla lettura, classificata tra le altre cose, come un retelling.
Cosa sono i retelling? Sono delle rivisitazioni di alcune delle fiabe più famose di tutti i tempi, quelle che ci hanno fatto sognare sin da piccoli e che – in un modo o nell’altro – continuano ad accompagnarci anche a distanza di tanti anni. La ladra di neve in particolare è un retelling della storia dedicata alla Regina delle Nevi. Siete pronti a conoscere i nomi di alcuni retelling imperdibili? Continuate a leggere questo articolo. Prima, però, vi presento il protagonista del tour! 🙂

La ladra di neveLa ladra di neve – Danielle Paige
De Agostini, 416 pagine
Collana: Young Adult
Genere: Fantasy
Copertina rigida, € 14.90
In vendita da: Ottobre 2017

Snow vive nell’istituto psichiatrico di massima sicurezza di Whittaker da quando è solo una bambina. Ora ha sedici anni e un’unica certezza: lei non è pazza. È prigioniera. Lo sente nel suo cuore, nei suoi sogni, e ne è più che sicura quando guarda negli occhi Bale, il miglior compagno di sventure che le potesse capitare. Nel momento in cui Snow lo bacia, però, accade qualcosa di terribile: Bale cade in stato catatonico e scompare all’interno di uno specchio stregato. Senza di lui Snow non ha più certezze, né motivi per restare. Aiutata da un’amica, fugge dalla sua prigione. Più veloce che può, più lontano che può, oltre i cancelli dell’ospedale. Qui incontra Jagger, un ragazzo misterioso che promette di aiutarla a salvare Bale. Snow accetta di seguirlo e in quell’istante il mondo attorno a lei cambia. Sotto i suoi piedi il terreno si trasforma in ghiaccio, e tutto diventa neve e magia. Jagger l’ha portata ad Algid, un regno incantato sul cui trono siede un tiranno sanguinario. Così, in un mondo condannato a un eterno inverno, Snow si troverà a combattere per l’amore e la giustizia. Diventerà ladra, strega e spia, disposta a tutto pur di trovare una risposta alla domanda che più la spaventa: chi è lei davvero?


1. Le cronache lunari di Marissa Meyer

Cronache Lunari

Tra Cenerentola, Cappuccetto rosso, Raperonzolo e Biancaneve ce n’è per tutti i gusti. La saga delle Cronache Lunari di Merissa Meyer soddisfa ogni tipo di palato – e di vista, con le sue copertine splendide!


2. Splintered Saga di A.J.Howard

Il mio splendido.jpg

La saga che si apre con Splintered (in italiano, ahimè, tradotto con “Il mio splendido migliore amico”) è un retelling in forma dark e gothic di una delle fiabe più amate di sempre, quella di Alice nel Paese delle Meraviglie.


3. La moglie del califfo e La rosa del califfo di Reneé Adhieh

La moglie del califfo La rosa del califfo

La moglie del califfo e il suo sequel, La rosa del califfo, sono due libri bellissimi ispirati alla storia di Sherhazade e alle Mille e una notte. Atmosfere da sogno, califfi irresistibili e amori folli e incontrollabili sono le parole d’ordine per questa fantastica duologia. Da non perdere!




4. Bellezza crudele e Il sentiero del bosco incantato di Rosamund Hodge

Bellezza crudele.jpg Il sentiero del bosco incantato

Bellezza crudele e Il sentiero del bosco incantato sono due retelling standalone rispettivamente della fiaba de La bella e la bestia e di Cappuccetto rosso. Contorti, sublimi, avventurosi. Rosamund Hodge sa decisamente il fatto suo!


5. Orgoglio e pregiudizio e zombie

Orgoglio e pregiudizio zombie

Last, but not least… Un retelling che di fiabesco ha poco, ma che rimanda ad uno dei capolavori indiscussi della letteratura inglese del 1800. Orgoglio e pregiudizio e zombie ripercorre le orme del celebre romanzo austeniano e lo fa in chiave horror. Da questo libro è stato tratto anche un film, distribuito nelle sale cinematografiche nel 2015.


Cari lettori, per questa tappa è tutto! Spero che i miei suggerimenti vi siano piaciuti :3
Di seguito trovate il calendario con le altre tappe fiabesche da seguire:

banner date la ladra di neve.jpg

Alla prossima,
Simona